Quantcast
Lettera: "Fatti 21 luglio, qualcuno mi deve spiegare cosa c'è da celebrare" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"no a strumentalizzazioni"

Lettera: "Fatti 21 luglio, qualcuno mi deve spiegare cosa c’è da celebrare"

Sarzana

Spett.le Redazione,
ho letto l’articolo del prof. Banti sull’episodio di Santo Stefano Magra, avvenuto il 17 luglio 1921, e contesto quanto sostenuto infatti Luigi Del Vecchio risulterà tra i martiri fascisti tanto che al cimitero dei Boschetti alla Spezia il suo nome si può ancora leggere tra quelli degli altri caduti fascisti della guerra civile degli anni 1921-22 sulla lapide del monumento eretto in loro ricordo. Inoltre nell’articolo summenzionato è stato omesso che i camion che riportarono i fascisti a Carrara da Aulla, al passaggio per Santo Stefano furono fatti oggetto di colpi d’arma da fuoco che ferirono 6-7 fascisti, per questo motivo essi si fermarono ed entrarono nel borgo, ingaggiando uno scontro con i militanti social-comunisti. Durante questi scontri furono uccisi Del Vecchio e Vannucci, ma molto probabilmente non dagli squadristi. Infine, e concludo, nelle rievocazioni celebrative di questi giorni, cosa ci sia poi da celebrare a ricordo di un sanguinoso fatto di sangue in cui persero la vita decine di giovani qualcuno me lo deve spiegare, non sono ricordati i due giovinetti spezzini, di simpatie fasciste, che furono trucidati dagli arditi del popolo e lasciati insepolti in un bosco in località Ghigliolo dove furono poi ritrovati.
A distanza di 100 anni era auspicabile che questi fatti di una guerra civile fossero affrontati in modo obiettivo e solo dal punto di vista storico e non strumentalizzati e interpretati alla luce del modo di pensare di adesso, imputando tra l’altro in maniera del tutto arbitraria ai giovani fascisti del 1921 quanto fu fatto dal fascismo negli anni seguenti!

Riccardo Borrini