Quantcast
Estevez vuole solo l'Europa - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ritorno di fiamma?

Estevez vuole solo l’Europa

La mezzala è tornata all'Estudiantes, ma ha fatto sapere che non rimarrà. Attende una chiamata da Italia, Spagna o Inghilterra. Lo Spezia ha lasciato cadere l'opzione per il riscatto a 1.8 milioni, ma a centrocampo ha bisogno di infoltire la rosa.

Nahuel Estevez

Fuori dai convocati, continua ad allenarsi con i compagni ma rimane fuori dagli impegni ufficiali. Non era nel gruppo che ha affrontato il Sarmiento Junin nella prima giornata e non sarà in quello che accoglierà l’Independiente nella seconda del campionato argentino. Il motivo è semplice: “Ci siamo parlati e mi ha detto di avere offerte dall’estero. Ha preso la decisione di continuare la sua carriera in Europa e la rispettiamo. Se poi cambierà idea, ce lo farà sapere”. Lo ha detto chiaro e tondo Ricardo Zielinski, tecnico dell’Estudiantes.

Dal 25 giugno scorso ha ritrovato Nahuel Estevez nella rosa a sua disposizione, ma da subito il centrocampista ha fatto sapere di essere solo di passaggio. Con buona soddisfazione del club di La Plata, che contava di mettere in cassa qualche milione dalla sua cessione. Per la precisione 1.8 milioni, ovvero la cifra pattuita con lo Spezia per il riscatto dell’intero cartellino del 25enne.
Non sarebbe andata così. Vincenzo Italiano, del pacchetto in mediana della scorsa stagione, chiese a Stefano Melissano – reggente dell’area tecnica nel vuoto tra l’addio di Meluso e l’attesa di Pecini – di trattare la conferma del solo Leo Sena. Per Ricci ed Estevez, con cui c’era stato pare una scambio di idee dopo la sconfitta di Marassi contro il Genoa in campionato, nessuna richiesta specifica.

Nel frattempo Estevez avrebbe detto all’ipotesi di giocare negli ungheresi del Ferencvaros, puntando ad uno dei big five: Spagna, Francia, Germania, Inghilterra o Italia. Quanto lo Spezia di oggi pensi ancora a lui è da capire. Soprattutto è da capire a quali condizioni. Lo spazio in organico ci sarebbe, anche dopo gli arrivi di Frattesi dal Sassuolo e Kovalenko dall’Atalanta, ormai in dirittura d’arrivo. Il calciatore si è ben comportato nel suo primo anno in serie A e si può sicuramente integrare nel disegno tattico di Thiago Motta. Ma una vera trattativa ad oggi non pare esserci.