Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Pecini ci crede

Kelvin Amian è l’acquisto più costoso di sempre

Vent'anni fa l'arrivo di Vittorio Torino dal Messina per un miliardo di lire faceva impazzire i tifosi. Ma il record è fresco: Ardian Ismajli prelevato dall'Hajduk Spalato per 2.2 milioni di euro la scorsa stagione. Il francese ne è costati 3.

Kelvin Amian

C’erano tempi in cui il costo del calciatore era direttamente proporzionale al numero di tifosi che lo avrebbero accolto in città. Quando nel 2001 lo Spezia di Angelo Zanoli annunciò l’acquisto di Vittorio Torino, bomber implacabile del girone meridionale della serie C, sulla scalinata d’ingresso del fu Jolly Hotel c’era una folla che occupava Via XX Settembre per la presentazione. Costo dell’operazione, i giornali riportarono allora, la mirabolante cifra di un miliardo di lire, che per un club di serie C era un vero patrimonio.
Per molti anni nessun affare si avvicinò neanche a quella grandeur. In epoca moderna, l’arrivo di Ardian Ismajli un anno fa rappresenta di sicuro il record. Mauro Meluso, che lo aveva seguito tante volte ai tempi del Lecce, convinse il club a mettere sul piatto 2.2 milioni di euro per il nazionale albanese. Surclassando qualsiasi altra operazione italiana e soprattutto estera. Quest’ultima fattispecie aveva vissuto un climax l’anno prima con l’arrivo della meteora olandese Delano Burgzorg per 427mila euro dal De Graafschap, planato sul golfo silenzioso come una nuvola e volato via senza lasciare traccia.
Kelvin Amian, ufficializzato in questi minuti dallo Spezia Calcio, segna un nuovo record. Costerà allo Spezia 3 milioni di euro dal Tolosa, mezzo milione in meno rispetto a quanto ventilato da oltralpe in questi giorni in cui la trattativa è venuta alla luce. Riccardo Pecini lo insegue da quando era alla Sampdoria e spera di chiudere il fianco destro della difesa di Thiago Motta con il suo acquisto. Ha firmato un contratto fino al 2026 e ha raggiunto i nuovi compagni a Prato allo Stelvio.

Più informazioni