Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
L'indagine di prontobolletta

Mercato libero energia per il 55 per cento dell’utenza spezzina

Traliccio

A che punto è il passaggio al mercato libero dell’energia, frutto di una serie di liberalizzazioni nel settore energetico culminate nel 2017 nella ‘Legge annuale per il mercato e la concorrenza’? Del tema si è occupata Prontobolletta (qui: https://www.prontobolletta.it/news/province-nel-mercato-libero/), con un’indagine nazionale, regionale e provinciale. Guardando al nostro territorio, nell’approfondimento si legge che “la regione Liguria è la quindicesima per percentuale di impianti attivi mercato libero e fa registrare un valore del 0,53% di utenze già passate al nuovo regime. L’ammontare di impianti attivi totale è di 542374 contro un ammontare di impianti nel mercato libero pari a 286577. Nella provincia della Spezia la percentuale di utenti nel mercato libero è pari al 55,53% per un totale di ‘punti attivi’ nel mercato libero di 72.707 unità. L’incremento delle utenze tra il 2019 e il 2021 è stato del 20,44% con un ammontare di nuovi contratti nel mercato libero di 12.339 utenze. Questo ha portato all’inizio dell’anno a far posizionare la provincia della Spezia in 58° posizione nella classifica delle province con maggior percentuale di utenze nel nuovo mercato rispetto al totale dei punti attivi”. Quindi a metà strada a livello nazionale.
La menzionata legge del 2017, ricordano da Prontobolletta, “stabiliva il passaggio definitivo al mercato libero inizialmente per il 1° luglio 2019 ma, successive proroghe, hanno fissato la fine del mercato a maggior tutela per i clienti privati il 1° gennaio 2023”.

Più informazioni