Quantcast
Incursione spezzina nel ritiro viola, Italiano: “Lì ero sottopagato” - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
I video sono virali

Incursione spezzina nel ritiro viola, Italiano: “Lì ero sottopagato”

Confronto con i tifosi spezzini a Moena

Una storia che non va giù, una ferita che non si rimargina. Che riceve una dose di sale dai video, presto diventati virali sui social – da Whatsapp e Facebook – in cui Vincenzo Italiano, dalla sede del ritiro della Fiorentina a Moena, si confronta con un gruppo di tifosi spezzini. Autori di una pacifica incursione in mezzo agli attoniti omologhi toscani presenti in Val di Fassa, operata per avvicinare l’ex tecnico aquilotto. Almeno due distinte clip sono state prodotte, ben presto condivise centinaia di volte.
In uno si vede Italiano che si avvicina ad una recinzione per scambiare due parole dopo essere stato richiamato. “Eri Vincenzo Spezzino, cos’è successo?”, si chiede con cadenza chiaramente sprugolina. “Ve lo dico chiaro e tondo. Se vengono fatte determinate promesse, se si dice qualcosa, se il mister deve fare il manager, se vanno via diecimila persone da dentro la sede a partire dal dottore, a partire da Chisoli (ex presidente, ndr), a partire dal mio team manager. Se ci dev’essere un cambiamento…”. Qualcuno nota il telefono e la registrazione viene interrotta.

C’è però un secondo video, di pochi secondi, che dipinge una scena dai toni più accesi. Qualcuno accusa Italiano di aver lasciato per “centomila euro in più”. Il tecnico replica stizzito: “Se devi parlare così puoi anche andartene… Ho allenato due anni: sottopagato il primo e sottopagato il secondo…”. Poi le voci di sottofondo prendono il sopravvento.
Lo scambio è evidentemente estrapolato da un contesto più ampio e va preso con le molle, ma evidenzia l’insoddisfazione di Italiano per il trattamento economico ricevuto. Italiano firmò con lo Spezia un primo contratto nel 2019 da esordiente in serie B. A seguito della promozione siglò un rinnovo nell’agosto 2020. Infine il rinnovo dello scorso 2 giugno per un ingaggio da quasi un milione di euro, bonus compresi.