Quantcast
"I biglietti dei crocieristi per sostenere il nostro trasporto via mare" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Collegamenti

"I biglietti dei crocieristi per sostenere il nostro trasporto via mare"

Il sindaco di Lerici: "Pensare anche a uno sviluppo della mobilità su ferro, una metropolitana a cielo aperto da Levanto a Carrara".

Leonardo Paoletti

“Questi sono orari da linea turistica, anche se, soprattutto per l’andata verso Spezia, può avvalersene anche chi lavora, magari tornando col bus. Ma un giorno vorrei ci fosse la possibilità di avere un servizio di linea via mare, non solo quindi turistico – aspetto importante, cui Lerici dedica, che magari parta la mattina da Tellaro per poi fare tappa a Lerici e San Terenzo e arrivare nel capoluogo”. Lo ha affermato stamani il sindaco di Lerici, Leonardo Paoletti, in occasione della conferenza stampa dedicata alla ripresa e al rafforzamento del servizio di trasporto via mare tra il Lericino e La Spezia, realizzato dalla Navigazione Golfo dei Poeti con un contributo del Comune di Lerici.

“Il nostro sforzo, anche di bilancio, per questo servizio – ha proseguito il primo cittadino – deve far capire a tutti gli amministratori locali l’importanza di trovare soluzioni adeguate, sfruttando anche, appena ripartirà, l’attività crocieristica, perché i crocieristi dovrebbero essere coloro che finanziano il nostro trasporto di linea via mare, utilizzandolo in gran numero a fini turistici. È qualcosa che ho più volte detto in sede di Comitato portuale, quando ne facevamo parte, e ho parlato anche con i vertici delle compagnie crocieristiche chiedendo che si faccia attenzione, quando sarà realizzata la stazione crocieristica, perché lì ci siano in partenza i nostri vaporetti. Il crocierista scende dalla nave e, se non ha gite organizzate, può tranquillamente salire sul traghetto, pagando un biglietto turistico, e farsi il giro del golfo”.

Per il sindaco poi, oltre a immaginare un potenziamento del trasporto via mare e in chiave turistica, e in chiave servizio di linea, è necessario anche provvedere allo sviluppo del trasporto su ferro. “L’Autorità di sistema portuale arriva fino a Carrara, si dovrebbe quindi immaginare che il Cinque Terre Express possa unire Levanto e Carrara, con stazioni intermedie quali Migliarina e Ca’ di Boschetti. I crocieristi scendono a Carrara e possono arrivare fino a Lerici; e ancora un servizio navetta che da Lerici porti a Ca’ di Boschetti e da lì si possano raggiungere Sarzana e La Spezia senza andare a inserire mezzi nel traffico stradale. Il presidente dell’Adsp Sommariva si è detto interessato alla cosa. L’Autorità ha le capacità finanziarie e il rapporto con le Ferrovie necessari per pensare un servizio di questo genere, una metropolitana a cielo aperto che porterebbe un crocierista dalle Cinque Terre alle Cave di Carrara, in un’ottica, se ne parla sempre, di comprensorio. Abbiamo gli strumenti per arrivare in fondo”.

Più informazioni