Quantcast
Toti prende il treno per “saltare le code”? Non basta il buon esempio, occorre intervenga con urgenza - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Lettere a cds

Toti prende il treno per “saltare le code”? Non basta il buon esempio, occorre intervenga con urgenza

Cinque Terre Express

E’ di alcuni giorni fa la notizia diffusa dai media della decisione del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti di utilizzare il mezzo ferroviario per recarsi ad un appuntamento istituzionale. Lodevole il buon esempio, invitiamo tutti i politici liguri di ogni colore, schieramento e carica ad utilizzare i mezzi pubblici, a partire dall’assessore ai trasporti della Regione Giovanni Berrino. Chissà, se fossero tutti utilizzatori forse spingerebbero per scelte positive per il servizio che deve essere pensato in primo luogo in funzione del cittadino-utente.

Ma non basta solo il buon esempio, occorrono azioni concrete. Praticamente nessuna delle richieste fatte dai comitati per un incremento dell’orario estivo è stata accolta dalla Regione, e si è assistito a giornate di passione, come successo lunedì 5, con treni sovraccarichi e utenti lasciati a terra. Occorrono più convogli, più posti offerti e più corse, come anche evidenziato dalle organizzazioni sindacali. Anche per far fronte alla situazione di caos autostradale e della viabilità ordinaria, che non sarà destinata a risolversi in breve tempo. Ricordiamo al presidente Toti che sono necessari interventi urgenti in questa direzione, partendo dalle richieste già fatte dai comitati prima dell’introduzione dell’orario estivo.

Ma ricordiamo anche al Presidente Toti che occorrerebbe – finalmente – prendere atto dell’inadeguatezza del contratto di servizio tra Regione Liguria e Trenitalia 2018 – 2032 e intervenire per ricontrattarlo nei suoi obiettivi fondamentali. Occorre mettere come priorità l’incremento dei km erogati – che invece risulteranno da contratto sempre gli stessi da qui al 2032 – e ridefinire i termini del rinnovo del materiale rotabile, in favore di materiale rotabile ad alta capacità, mentre con il contratto non solo non si vedrà un incremento del materiale stesso, ma una diminuzione dei posti offerti, a causa dell’introduzione di treni a bassa capacità come i Jazz e i Pop.

Occorre evidentemente anche ridefinire i termini economici del contratto, che vedono l’impresa ferroviaria avere ricavi particolarmente elevati in Liguria sia dal punto di vista delle tariffe che dal punto di vista del corrispettivo pubblico, e mettere in campo quegli interventi infrastrutturali, spesso di minima entità, come il ripristino dei binari di incrocio e di precedenza, che permettono una fluidificazione della circolazione e in prospettiva un notevole incremento della capacità di traffico delle linee. Tutto questo, va da sé, coerentemente con politiche attuate da Trenitalia che portino ad avere sufficiente personale viaggiante.

Cittadini e Rappresentanti delle Categorie ricorrenti al TAR
Pendolari del Levante Ligure
Comitato Difesa Trasporti Valle Stura ed Orba
Pendolari Savona-Genova
Comitato delle Cinque Terre
WWF Italia-Liguria