Quantcast
"Il Vaticano ingerisce negli affari della Repubblica ma per altre leggi non era accaduto" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ddl zan

"Il Vaticano ingerisce negli affari della Repubblica ma per altre leggi non era accaduto"

La cupola di San Pietro

“Città del Vaticano, uno Stato estero, assolutista, i cui cittadini non sono chiamati a nominare in elezioni democratiche i loro rappresentanti, ingerisce negli affari interni della Repubblica per evitare che l’eventuale approvazione di un decreto di legge possa turbare i rapporti fra i cittadini. Notando che preoccupazioni di questo genere non si sono verificate nelle più o meno immediate precedenze (per fare un esempio, la legge Fornero), affermo che i cittadini della Repubblica e le loro organizzazioni hanno strumenti per regolare le loro relazioni: il voto, le rappresentanze parlamentari e territoriali, la loro capacità di mobilitazione.
Proprio per questo il Presidente Draghi ha affermato che la Repubblica è uno Stato laico. Ciò è vero anche se alla sua formazione non hanno contribuito le guerre di religione che in Francia, ad esempio, hanno portato all’Editto di Nantes del 1598, fondamento della tolleranza religiosa che è il presupposto della aconfessionalità di qualsiasi Stato che non voglia sopportare intromissioni che minimo la sua sovranità”.

(mail firmata)