LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Festa della musica

Musica da ballo, gli inediti documenti dell’Archivio di Stato

Import 2008

L’Archivio di Stato della Spezia aderisce alla Festa della Musica organizzando dal 21 giugno al 2 luglio sul proprio sito istituzionale (http://archiviodistatolaspezia.beniculturali.it/) una mostra virtuale di documenti archivistici intitolata:
L’Archivio di Stato di La Spezia in musica: II^ edizione. “Squilli di musica e di vita!”. La selezione dei documenti è stata effettuata individuando la danza quale momento di aggregazione sociale, attingendo i contributi archivistici dal Fondo del Tribunale civile e penale di La Spezia, dal fondo Camera di Commercio ed Arti della Spezia e dall’Archivio di mons. Casimiro Bonfigli.

L’arco temporale preso in esame dalla mostra va dall’anno 1914 all’anno 1945: il motivo conduttore della mostra è di focalizzare l’attenzione sulle attività ricreative legate alla musica da ballo, in un momento storico che precede e segue immediatamente le due guerre mondiali. Offriamo una breve anticipazione su alcuni dei documenti selezionati: Ignaro dei bagliori della imminente guerra in Europa (lo “sparo di Sarajevo” del 28 giugno) il circolo “Pompieri” organizza una serata danzante per domenica 5 aprile 1914 nel salone Imperiale di via Roma. In un contesto profondamente diverso dall’ottimismo della Belle Époque, nel maggio 1945 mons. Casimiro Bonfigli, figura di primo piano nelle istituzioni spezzine del dopoguerra, ma all’epoca giovane parroco del paese di Montemarcello, si lamenta che la Liberazione “non è così promettente come si sperava” e fra le sue preoccupazioni è la “festa danzante”, “sempre aperta”, “si balla liberamente ovunque e guai a chi protesta!”.

E a proposito di sale da ballo, un tempo diffusissime perché erano tra le poche attività ricreative disponibili per giovani e meno giovani, in una nota trasmessa dalla Questura alla Prefettura il 3 settembre 1945 è presentato un dettagliato elenco delle sale da ballo in provincia: un’ottima occasione per il lettore di trovare luoghi e associazioni d’epoca. Come di consueto sul canale social Instagram (@archiviodistatodilaspezia) sarà presentata una selezione di documenti per l’evento.