Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il programma

Dieci anni di emozioni ed esperimenti con Fuori Luogo

Per celebrare il decennale il collettivo della storica rassegna organizza un fine settimana di eventi: si parte il 17 giugno con un'installazione fotografica.

Un lungo e dirompente weekend di spettacolo, frammenti di visioni, incontri dal vivo, riflessioni e “correzioni” sugli ultimi dieci anni di teatro in Italia e sulle prospettive per il prossimo decennio rimettendo al centro del cambiamento l’artista e l’atto creativo.

Si terrà a Spezia da giovedì 17 a domenica 20 giugno 2021 Fuori Luogo 10, evento teatrale pensato per celebrare i dieci anni della fortunata rassegna spezzina di “percorsi teatrali nel presente” – ideata e organizzata da Scarti in partnership con Balletto Civile, Scena Madre e Casarsa Teatro e in collaborazione con i comuni di Spezia, Lerici, Sarzana e Santo Stefano di Magra con il contributo di Fondazione Carispezia nell’ambito di Cultura in Movimento, Fondazione Compagnia di San Paolo e il sostegno di Ministero della Cultura e Regione Liguria – e nello stesso tempo riflettere sull’era teatrale che si chiude come viatico per il decennio che si sta per aprire.

Quattro giorni per riabituarsi insieme (artisti, pubblico e operatori) alla pratica teatrale con maggiore cura e spontaneità, partendo proprio da una “piccola” ma agguerrita realtà eterogenea e defilata che negli anni ha saputo con semplicità e concretezza instaurare uno stretto rapporto di fiducia tra la comunità locale e la scena nazionale fino a diventare un “caso di studio”, capace di creare – in dieci anni di lavoro e partendo da zero – un vivace pubblico e un’intensa attività di produzione, residenza e progettazione di eventi culturali a Fossitermi, periferico quartiere spezzino, per estendersi poi al centro cittadino e ad altri comuni (Sarzana, Santo Stefano di Magra, Lerici).

Al centro dell’evento ci sarà sabato 19 giugno la presentazione della pubblicazione Dieci anni di Teatro Fuori Luogo a cura di Maddalena Giovannelli e Francesca Serrazanetti (Scarti Edizioni 2021) che raccoglie prestigiosi contributi (di Antonio Moresco, Bob Wilson, Goffredo Fofi, Gerardo Guccini, Riccardo Blumer, Graziano Graziani, Oliviero Ponte di Pino, Andrea Porcheddu, Alessandro Toppi, Antonio Attisani, Pietro Gaglianò, Roberta Ferraresi, Rodolfo Sacchettini, Mario Bianchi, Giulio Sonno, Mailé Orsi, Roberto Rizzente, Renzo Francabandera, Andrea Pocosgnich, Luca Basile, Massimiliano Civica, Frosini-Timpano, Babilonia Teatri, Sotterraneo, Marco Martinelli, Danio Manfredini, Rita Frongia, Frigoproduzioni, Vico Quarto Mazzini, Gli Omini.)

A partire dai contenuti del libro, il convegno Le correzioni. Cartoline da un futuro possibile sarà un’occasione per riflettere con direttori, artisti, critici provenienti da tutta Italia dei cambiamenti di dialettica tra generazioni di artisti tra esigenze produttive e vocazione alla ricerca. Tra i partecipanti Graziano Graziani (critico e conduttore Radio Rai3), Renato Palazzi (Il sole24ore), Francesca Corona (consulente artistica Teatri di Roma – Teatro Nazionale), Franco D’Ippolito (già direttore Teatro Metastasio di Prato), Massimo Marino (critico Il Corriere Bologna), Roberta Ferraresi (critica – Università di Cagliari), Antonio Moresco (scrittore), Licia Lanera (attrice); Alessandro Toppi (critico la Repubblica Napoli), Lorenzo Donati (critico Altre Velocità – Università di Bologna), Andrea Pocosgnich (critico – Teatro e Critica, Roma), Elena di Gioia (direttrice Agorà/Epica festival, Bologna), Maura Teofili (Carrozzerie Not/ Romaeuropa Festival), Francesco Montagna (Carrozzerie Not), Francesca D’Ippolito (presidente nazionale C.Re.S.Co), Pietro Gaglianò (critico d’arte, curatore), Babilonia Teatri (artisti), Antonio Rezza e Flavia Mastrella (artisti – in collegamento). Coordina Stratagemmi – Prospettive teatrali, Milano: Maddalena Giovannelli (critica – docente USI Lugano); Francesca Serrazanetti (critica – docente Politecnico di Milano); Corrado Rovida (critico); Alessandro Iachino (critico).

Ad essere presentati all’interno di FuoriLuogo10 saranno inoltre i nuovi lavori – ancora in fase di studio o in anteprima – prodotti o sostenuti da Gli Scarti/Fuori Luogo e che debutteranno nei prossimi mesi nei più importanti festival estivi italiani.

PROGRAMMA

Si comincia giovedì 17 giugno con una giornata totalmente dedicata al pubblico di Fuori Luogo: alle ore 18 si terrà l’inaugurazione dell’installazione fotografica Dieci anni di teatro Fuori Luogo, selezione a cura di Francesca Cattoi e Alessandro Ratti dagli archivi di Ilaria Zappelli, Andrea Luporini e Francesco Tassara che raccontano queste dieci edizioni attraverso i veri protagonisti dell’atto teatrale: gli artisti e il pubblico. Inoltre dalle ore 16 alle ore 23 (in replica ogni ora) da non perdere sarà il radiodramma installazione sul Macbeth di Gianluca Stetur e l’esposizione delle illustrazioni di Davide Faggiani, legate alla storia di Fuori Luogo.

Torna giovedì sera (ore 20.00) in un originale riallestimento a distanza di dieci anni Made in Italy dei Babilonia Teatri, primo spettacolo ad essere ospitato a Fuori Luogo nella primissima edizione. Il pluripremiato lavoro della compagnia vernese, un vero e proprio “cult”, è entrato ormai nella storia recente della scena teatrale d’innovazione nazionale. Uno spaccato in forma di invettiva rap sui luoghi comuni del nostro Bel Paese, malato di sfrenato consumismo, razzismo e intolleranza.

A seguire (ore 22.20) lo “studio” del nuovo lavoro di Daniele Turconi dal titolo Gianluca: una riflessione sulla figura dell’artista che vede Turconi dei Frigoproduzioni in scena con Gianluca Tosi, e che debutterà a luglio a Kilowatt Festival. (produzione Gli Scarti/Fuori Luogo)

Venerdì 18 giugno si ricomincia alle ore 17.15 al Dialma con la lettura a tavolino del testo Disprezzo della donna. il futurismo della specie, nuovo lavoro della compagnia romana Frosini-Timpano, prima ed embrionale tappa della ricerca sul Futurismo che partirà proprio da Spezia, città culla del Futurismo di Marinetti (una produzione Gli Scarti/Fuori Luogo e Kataklisma)

A seguire all’ex Ceramica Vaccari (Santo Stefano di Magra) da non perdere la performance Il secondo regno – cantica industriale a cura di Enrico Casale, Renato Bandoli, Alessandro Ratti, Simone Benelli e Damiano Grondona che coinvolge gli adolescenti del territorio nella riscoperta, attraverso l’azione performativa, degli spazi industriali, un tempo luoghi di lavoro e oggi protagonisti di processi di rigenerazione urbana grazie al progetto europeo RESCUE del programma Creative Europe. (prima replica alle 17.30 e seconda replica alle ore 19.00)

La serata si chiude al Dialma alle ore 21.45 con la lettura in anteprima di Sergio, nuovo spettacolo di e con Francesca Sarteanesi, produzione Scarti e Kronoteatro, con il sostegno di Armunia residenze artistiche – Festival Inequilibrio.

Sabato 19 giugno alle ore 10 si terrà al Dialma Ruggiero la presentazione del volume Dieci anni di
Teatro Fuori Luogo ( Scarti Edizioni 2021), con interventi di alcuni tra i più importanti artisti e studiosi della scena nazionale e internazionale, e a seguire il convegno Le correzioni. Cartoline da un futuro possibile a cura di Stratagemmi a cui parteciperanno dal vivo alcune tra le voci più significative del panorama culturale e teatrale italiano.
Le “correzioni” metteranno a fuoco alcuni temi specifici: i nuovi linguaggi e in particolare gli aspetti legati alla loro eversione e trasmissione; comunità e territorio, ovvero il rapporto con i luoghi e gli spettatori. È a partire da delle “correzioni” sul passato che possiamo immaginare insieme un futuro, per il decennio a venire.

Al termine ci si sposta al Teatro degli Impavidi di Sarzana dove dalle ore 18.15 si potrà assistere alle “prove aperte” del nuovo lavoro corale di Balletto Civile/Michela Lucenti – Figli di un Dio ubriaco – che debutterà il 22 giugno in prima nazionale a Cremona. Un’occasione unica per assistere alla lavorazione di un nuovo spettacolo come testimoni di un processo creativo “in progress”.

Grande festa sabato alle ore 21, all’aperto e in sicurezza, nel nuovissimo Parco del Colombaio, immerso nel verde e da poco ristrutturato, con uno speciale happening con tantissimi ospiti che negli anni si sono esibiti a Fuori Luogo (cena e spettacolo 30 euro, aperta al pubblico fino ad esaurimento posti) – con tra gli altri Frosini/Timpano, Gli Omini, Astorritintinelli, Francesco Pennacchia, Maniaci d’Amore, VicoQuartoMazzini, Frigoproduzioni, ex Punta Corsara, Licia Lanera, I sacchi di Sabbia e altri.

Domenica mattina al Dialma Ruggiero si terrà un incontro tra i membri del Premio Rete Critica, il network nato dieci anni fa che raccoglie siti e blog che si occupano di teatro sul web: quali prospettive per la ripartenza?

La chiusura non poteva che essere affidata a Livore. Mozart e Salieri, in scena domenica 20 giugno alle ore 12 al Dialma Ruggiero: dopo lo spettacolo Vieni su Marte lo sguardo sul contemporaneo dei VicoQuartoMazzini, compagnia pugliese, fondata da Michele Altamura e Gabriele Paolocà (entrambi prodotti da Gli Scarti/FuoriLuogo) si concentra sull’unico vizio capitale che non porta piacere, il male più in voga del mondo occidentale: l’invidia. La drammaturgia, affidata a Francesco d’Amore, prende spunto dalla piccola tragedia “Mozart e Salieri” di Pushkin per approdare a una scrittura originale e contemporanea. Uno spettacolo presentato con successo di pubblico e critica in prima nazionale a Contemporanea Festival a Prato nel 2020 e ora in tourneè.

“Abbiamo immaginato questo evento prima di questa lunga stagione pandemica con l’intenzione di organizzare una festa, riunire amici, artisti e soprattutto il nostro pubblico, i ragazzi dei laboratori, gli studiosi e gli addetti ai lavori con cui abbiamo condiviso in questi dieci anni un’esperienza unica, seppure periferica e con cui vogliamo progettare un futuro. Volevamo però che la ricorrenza fosse anche un’occasione per affrontare una riflessione ampia sul paesaggio teatrale nazionale e che, partendo dall’esperienza specifica di Fuori Luogo, ci portasse, ancora una volta, un po’ più lontano: hanno risposto al nostro invito tantissimi artisti, direttori artistici, critici e studiosi, che da tutta Italia si ritroveranno alla Spezia dal 17 al 20 giugno. La cosa che ci riempie di orgoglio è che per questi quattro giorni un quartiere periferico come Fossitermi, un luogo come Il Dialma, diventeranno il “centro” e il luogo di incontro e di rilancio della scena teatrale italiana contemporanea. Dieci anni fa, quando abbiamo iniziato a costruire Fuori Luogo, non avremmo mai immaginato tutto questo. Il nostro ringraziamento va a tutti gli artisti, al pubblico, alle istituzioni, agli enti e le fondazioni che ci hanno da sempre accompagnato con entusiasmo e sostegno in questa avventura.” Andrea Cerri – direzione artistica Fuori Luogo, della quale fanno parte anche Renato Bandoli e Michela Lucenti.

Il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini: “Il decennale di Fuori Luogo rappresenta un vanto nel panorama culturale spezzino e la Città è sempre al fianco di questa realtà che ha inciso così profondamente nella nostra comunità dal punto di vista artistico, intellettuale e sociale. I dieci anni di teatro di Fuori Luogo non sono un punto di arrivo ma un punto di partenza, anzi, la ripartenza della cultura, visto che stiamo muovendo i primi passi fuori dalla pandemia mondiale che ci ha travolto. Allo stesso tempo, inoltre, l’evento delle quattro giornate di giugno sarà un’occasione fondamentale di lasciare semi fertili in tracce profonde scavate proprio negli ultimi dieci anni: la nostra Città è orgogliosa di ospitare tutta la scena contemporanea intellettuale italiana, con artistici, critici, scrittori, giornalisti di primo piano. Un traguardo raggiunto che segnerà i prossimi dieci anni di attività di Fuori Luogo in tutto il territorio spezzino ”

Andrea Corradino – Presidente Fondazione Carispezia: “Dieci anni di teatro ‘Fuori Luogo’ dell’Associazione culturale Gli Scarti è uno degli 11 progetti selezionati attraverso il bando ‘Cultura in Movimento’ della nostra Fondazione, volto a promuovere eventi significativi nelle arti visive e performative per la valorizzazione dell’identità culturale del territorio. Siamo quindi lieti di sostenere questa iniziativa che oltre a celebrare la ricorrenza e la storia di una rassegna radicata nel tessuto cittadino getterà lo sguardo sulle prospettive future del teatro e sulla sua fruizione come momento collettivo irrinunciabile”.

Produzione Gli Scarti – impresa di produzione teatrale d’innovazione
con il contributo di Fondazione Carispezia nell’ambito del bando “Cultura in Movimento”
con il contributo di Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Performing Arts”
Si ringraziano Mic, Regione Liguria, Comune della Spezia, Comune di Sarzana, Comune di Santo Stefano di Magra, Comune di Lerici
realizzato in collaborazione con Associazione Prospettive Teatrali – Stratagemmi
partner di progetto Balletto Civile, ScenaMadre, CasArsa Teatro
progetto grafico e layout Leonardo Mazzi/neo-studio.it

Biglietti: dai 15€/ridotto 5 euro

Biglietteria – Tel 346.4026006 (attivo dal 3 giugno martedi e giovedi ore 9.30-12.30. Dal 14 giugno tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30) fuoriluogo10@associazionescarti.com – fortemente consigliata la prenotazione
Parco del Colombaio: cena happening: 30 euro
In caso di maltempo gli aggiornamenti saranno comunicati sui canali di Fuori Luogo
Il volume in edizione limitata e numerata Dieci anni di Teatro Fuori Luogo sarà acquistabile durante l’evento al prezzo speciale di 30 euro. Acquistabile anche online sul sito www.fuoriluogoteatro.it