Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Lettere a cds

"L’incrocio di Bottagna un pericolo costante: servono dissuasori"

Schianto a Bottagna

“Forse non mi ero accorto di essere finito all’interno di un circuito gara da gran turismo. In effetti la velocità era quella. Una Tesla bordeaux che ha attraversato l’incrocio di Bottagna direzione Fornola sfrecciando oltre gli 80 km/h. Solo per pochi centimetri e prontezza di riflessi non mi sono trovato il muso di quest’auto conficcata dentro la mia. Con la coda dell’occhio ho visto arrivare velocissima l’auto e ho tirato una frenata quasi disperata, l’autista della tesla ha anche lui frenato sbandando quasi contro un fiorino che veniva lato Fornola che si è praticamente appoggiato al muro del bar per non essere investito.
Questo ha finito la sua frenata 100 metri dopo l’incrocio e poi si è dileguato. Ammetto di averlo poi seguito urlandogli di fermarsi ma si è limitato ad alzare la mano e ho desistito a seguirlo anche perché l’adrenalina stava lasciando spazio allo spavento. Sì, perché se mi prendeva la mia auto sarebbe stata ribaltata via. La velocità e il peso della Tesla sul fianco della mia auto avrebbero provocato danni enormi e non so se sarei qui a parlarne.

Sono mesi, anni che si chiede di mettere in sicurezza questo incrocio eppure eccoci qui oggi a raccontare un incidente mancato ma per pochi secondi poteva essere un incidente mortale perché non so come sarebbe andata a finire. Io vorrei che provincia, comune di Vezzano e limitrofi trovassero una soluzione rapida. Un velox sull’incrocio, dissuasori di velocità in tutte le direzioni che evitino di passare a folle velocità e una segnaletica ben visibile.
Sono piccole cose ma sarebbero efficaci. Oggi se ero in scooter non sarei stato così fortunato. Minimo sarei rovinato a terra ma molto probabilmente sarei stato preso. Invio questa lettera ai giornali locali e alle istituzioni. Spero si possa trovare in pochi giorni una soluzione”.

Andrea Salis

(foto di repertorio)