Quantcast
Passa acqui, fuori dai playoff

Finisce con una sconfitta il campionato della Trading Logistic Spezia

Import 2021

TRADING LOGISTIC SP – NEGRINI CTE ACQUI 0 – 3
Set: 23-25 in 29 minuti / 15-25 in 21 / 15-25 in 23.

TRADING LOGISTIC LA SPEZIA: Figini 3, Raso 10, Moscarella 5, Biasotto 1, Moretti 2, Giannarelli 7, Briglia 1, Tagliatti 3, Iacopini 0, liberi Briata e Venturini; n.e. Puccetti. All. Berti e Cecchi.

NEGRINI CTE ACQUI: Carrozzato 0, Bettucchi 9, Perassolo 6, Zappavigna 6, Demichelis 11, Scarrone 13, Micco 1, Cireasa 3, Passo 1, Di Miele 1, libero Dispenza; n.e. Magnone. All. Astori e Ceriotti.

Arbitro: Vilardo e Landini.

Come nel turno d’andata la Trading Logistic Spezia, contro la Negrini Cte Acqui, dura un set. Come ad Acqui Terme, lo perde sul filo di lana, dando adito alle congetture secondo le quali con un po’ più di fortuna il match sarebbe potuto andare in tutt’altro modo. Come allora nelle altre due frazioni è pressoché inesistente. La differenza sta nel fatto che stavolta il 3-0 al passivo butta gli spezzini fuori da questi playoff per la promozione in Serie A3. Eppure, per quanto la concluda mestamente, questa stagione pallavolistica non è stata malvagia da parte della Trading Logistic: che era partita con l’obiettivo primario di mantenere la categoria, è arrivata ai playoff vincendo il proprio girone, nonostante le tante
peripezie causatele dalla pandemia. Per la cronaca al Palamariotti la Trading (ancora priva di Lanzoni all’ala) si presenta stavolta, a sorpresa, col giovane Figini in costruzione e Raso in diagonale; capitan Moscarella e Biasotto al
centro, Briglia e Giannarelli di banda, Briata libero. La Negrini, a sua volta non del tutto al completo, risponde con
Carrozzato al palleggio e Bettucchi opposto…Perassolo e Zappavigna centrali, capitan Demichelis e Scarrone di mano, Dispenza il libero.

Si vede più di una volta pure Di Miele, nel finale dentro anche Cireasa, Micco e quel Passo che su battuta vhiude la gara per un attimo che entra. Una certa ispirazione iniziale di Figini e soprattutto la partenza-lampo di Raso spingono i locali sino a un vantaggio per 13-7, a quel punto però gli ospiti chiedono il primo time-out del match e da lì parte una rimonta che presto conduce al 14-14 prima e al 18-19 poi. A quel punto comincia un “testa a testa” che al termine vedrà spuntarla i piemontesi. Gli altri due set sono fondamentalmente senza storia, per quanto il duo tecnico sprugolino Berti-Cecchi abbia tentato lo scossone inserendo dapprima Tagliatti alla schiacciata, quindi Moretti in mezzo. A proposito, sul finire della prima frazione aveva fatto capolino il medesimo Iacopini da “martello”, mentre agli sgoccioli del confronto Venturini dà un po’ di cambio a Briata.

Più informazioni