Quantcast
Nata ballantoni

Laurie Platek cuore italiano

Laurie Platek

“E niente di tutto questo sarebbe mai stato possibile senza mia moglie Laurie”. La compostezza, al di là delle norme anti Covid, della conferenza stampa di Robert Platek si tramuta allo stadio “Alberto Picco” in un’esplosione di gioia incontenibile per la famiglia americana che ha acquistato lo Spezia Calcio nel febbraio scorso. La prima italiana dell’intera dinastia newyorkese (a parte la figlia Caroline, che ha avuto un problema con i voli) è già una festa.
Curiosità sottolineata dallo stesso Robert: per la signora Laurie ci sono antenati italiani sia da parte di padre (cognome Ballantoni), che di madre (nata Colaluca). I suoi nonni emigrarono negli Stati Uniti nei primi del Novecento. Hanno vissuto a Rye, dove i Platek hanno tuttora una proprietà, nella contea di Westchester affacciata su Long Island. Da qui deriva il nome della società (Westchester South Investments) che detiene le quote del club aquilotto.