LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cultura e Spettacolo

Alla scoperta della pieve di Cornia con "Il Cigno"

Casa parrocchiale e oratorio della Pieve di Cornia

Questa settimana il Consorzio il Cigno con la rubrica “Scopri la Val di Vara” porta alla scoperta dell’antica pieve di San Pietro di Cornia in Comune di Zignago. Oggi dell’originario edificio poco rimane a seguito della costruzione di una seconda chiesa terminata nel 1575 come indica la data incisa sul portale di ingresso, successivamente sostituita dalla attuale risalente al 1677 ad una grande navata con una bella facciata a capanna. La torre campanaria mantiene in buona parte i caratteri originari ed è coeva alla pieve risultando datata al XII secolo.
La pieve di Cornia rappresentò per alcuni secoli il potere dei vescovi di Luni sulla montagna ligure comprendendo un vasto comprensorio che arrivava ad Antessio e Scogna in Comune di Sesta Godano e a Rossano in Comune di Zeri. La nascita della diocesi di Brugnato ridusse gli originari ambiti territoriali della pieve che dovette anche fare i conti con la presenza del monastero di Pignora fondato dai monaci di San Salvatore di Leno, del quale rimangono pochi resti nelle vicinanze della frazione di Serò. Dal giardino della pieve, una sorta di belvedere su questa stupenda parte di Val di Vara, è possibile ammirare in lontananza il borgo di Suvero, un tempo importante marchesato dei Malaspina.