Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Un lettore e il suo calvario per curare un epitelioma: "Impossibile prendere appuntamenti"

Dottore

Con quanto sta accadendo nella sanità in questo momento non mi pare logico fare raffronti: non è mia intenzione passare avanti a malati di Covid.
Cionondimeno, mi pare doveroso puntare l’attenzione anche su aspetti, magari secondari, ma decisamente importanti per la salute del cittadino.
L’anno scorso, a febbraio, una dermatologa dell’ASL5 mi diagnosticò un epitelioma alla fronte e mi fece la richiesta per una visita chirurgica plastica.
Poi scoppiò la pandemia. La confusione, le morti, i ricoveri hanno mandato in tilt il sistema sanitario. Le agende per gli appuntamenti furono ritirate e, fino a fine estate, non fu possibile parlare di visite, anzi i pochi che ebbero la “fortuna” di prenotare furono avvisati dello spostamento a data da destinarsi.
Purtroppo, anche questa circostanza è stata disattesa: una mia richiesta di visita fisiatrica è stata cancellata e mai riprogrammata, nonostante gli avvisi vocali tutte le volte che si riusciva a prendere la linea con il CUP. Per eseguirla ho dovuto farmela nuovamente prescrivere dal medico curante e, a distanza di 18 mesi dalla effettiva necessità, ho potuto farmi visitare.
Ma la necessità della visita chirurgica plastica è rimasta inalterata. Anzi, il problema è cresciuto su tutta la fronte.
Ed oggi che il medico curante mi fa una nuova richiesta, dalla ASL5 mi giunge nuovamente la notizia che non esiste possibilità di fissare alcun appuntamento nella ASL5. Ma il bello è che, volendo farsi visitare da altra ASL ligure non ci sono possibilità sul S. Martino di Genova fino a fine settembre.
Voglio, infine, far presente che il personale sanitario non è disponibile neppure al telefono e che non è possibile affidarsi al personale amministrativo.
L’URP è irraggiungibile e neppure le lettere, le mail e le pec hanno buon esito.
Così non può andare avanti. Mi aspetto che chi di dovere almeno chiarisca il punto e prenda doverose iniziative a tutela degli ammalati.

LETTERA FIRMATA