Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Che eleganza

"Sbagliato noi sul rigore, meritavamo il pareggio"

Italiano non si lascia andare a polemiche: "Oggi non mi arrabbio, magari mi arrabbio la prossima volta se un penalty come quello di Marchizza non me lo danno. Peccato".

Vincenzo Italiano

“Sono arrabbiatissimo perché a questo punto del campionato un pareggio sarebbe stato meritato. Per un episodio non portiamo nulla a casa dopo aver giocato, creato e anche concesso qualcosa”. Vincenzo Italiano in sala stampa rimane lucido, anche se motivi per alzare i toni ce ne sarebbero. “Sul tocco di Acerbi, io sento dire ‘mano’ e non so se è la mano appoggiata per terra o in alto. Quella appoggiata? Il regolamento parla chiaro. Quello di Marchizza… ne parlo quando non mi verrà concesso. Non voglio giudicarlo. Prima di questo calcio d’angolo potevamo fare meglio. La responsabilità è nostra e non dell’arbitro. Oggi non mi arrabbio, mi arrabbierò quando non mi verrà concesso”.
Nel secondo tempo “siamo partiti molli, abbiamo subito gol. Poi però abbiamo raddrizzato la situazione, pareggiato e tornati in partita. Sono cose che possono dipendere da un calo mentale o fisico. Speriamo che questa caratteristica che ci contraddistingue nel secondo tempo non ci condizioni più”. In definitiva “sono punti pesanti che non portiamo a casa. Dobbiamo maturare in queste nove partite. La classifica? Potevamo dare grande valore alla vittoria contro il Cagliari pareggiando oggi e ci spostavamo in una situazione ancora più tranquilla. Ma il nostro obiettivo non sarebbe stato centrato neanche oggi in ogni caso”.