LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Valdivara

Polverara, un altro borgo da scoprire

Chiesa parrocchiale di Polverara

Il viaggio alla conoscenza della Val di Vara con la pagina fb Val di Vara e il portale www.valdivara.it continua, sempre in Comune di Riccò del Golfo, alla scoperta di Polverara, borgo della Val Graveglia composto da tre distinti nuclei posti alle pendici del Colle di San Bernardo: La Torre, Olivo e La Valle. Il primo e più elevato richiama nel toponimo la presenza di un castello che si doveva trovare in posizione dominante e strategica rispetto alla Val di Vara ed al Golfo
della Spezia, raso al suolo nel 1273 dal capitano Oberto D’Oria per conto di Genova al culmine della lotta fra Guelfi e Ghibellini. Questa vicenda tragica ricorda la successiva distruzione di Carpena alla cui Podesteria gli uomini di Polverara furono sempre legati.

Nell’articolo ampio spazio è dedicato all’antica chiesa di Santa Croce posta sulla sommità del monte omonimo raggiungibile dalla contrada La Torre con una carrareccia. A metà del percorso una dedica in italiano e inglese scritta su una tavolozza di legno ci introduce al luogo dove una lapide ricorda l’incidente mortale in cui persero la vita cinque
aviatori inglesi durante la seconda guerra mondiale. Anche la grande radura del monte Santa Croce ci riporta al conflitto che ha segnato lutti e tragedie nel nostro Paese: qui sorgeva la chiesa risalente al 1200 già in cattivo stato di conservazione nel Novecento quando fu rasa al suolo dalle truppe tedesche per far posto a una batteria antiaerea. La montagna rappresentava un tempo un elemento di unione fra la comunità di Polverara da un lato e quelle di Carnea e Sorbolo dall’altra, testimoniato dalla singolare circostanza che l’antico edificio religioso possedeva tre entrate attraverso le quali confluivano i fedeli distinti secondo il paese di appartenenza.
Il rapporto di Polverara con i borghi follesi non era affatto casuale ma determinato dalla appartenenza allo stesso comune durante il periodo napoleonico. Solo un secolo dopo La Torre, la Valle e l’Olivo entreranno a far parte del Comune di Riccò del Golfo.