LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"vigileremo"

"Bene milioni per nuova scuola Madonnetta, ma scettici su location"

Il gruppo di opposizione 'Insieme per voltare pagina': "Alla Regione il merito di aver compreso il valore dei progetti".

Silvio Ratti e Paola Lazzoni

“Apprendiamo dalla stampa (QUI, ndr) che il progetto del nuovo polo scolastico per l’area di Madonnetta ha trovato accoglimento nella graduatoria degli interventi ammessi al contributo statale di cui al Piano triennale 2018-2020 gestito dalla Regione Liguria. Pertanto, la realizzazione dell’intervento potrà trovare concretezza grazie al contributo di oltre 2 milioni di euro di cofinanziamento ammesso dalla Regione, alle somme realizzate a seguito della dismissione di quote Svar ed ad accesso a mutuo integrativo da parte del nostro Comune. Il costo complessivo dell’opera è stato presunto dall’Amministrazione Comunale in 4 milioni di euro e la realizzazione del polo a Madonnetta, secondo le indicazioni fornite dall’amministrazione in risposta ad interrogazione comunale discussa in cc su nostra proposta, non andrà a dismettere l’offerta scolastica di Belaso (scuola XXIV Novembre). Esprimiamo soddisfazione per l’ottima notizia pervenuta dalla Regione Liguria, cui va ovviamente il merito di avere compreso il valore dei progetti presentati dal nostro Comune sotto la direzione vigile degli uffici comunali preposti (che ringraziamo per l’immenso lavoro)”. Lo si legge nella nota diffusa dal gruppo consiliare ‘Insieme per voltare pagina’, rappresentato in consiglio dagli esponenti della Lega Paola Lazzoni e Silvio Ratti.
“Come gruppo consigliare – proseguono – siamo sempre stati scettici sulla scelta della location, non per sminuire l’area di Madonnetta che, anzi, si presta alla riqualificazione e che, essendo già nella proprietà comunale ha comportato un minor costo (ovvero quello di acquisto delle aree), ma per motivi legati ai numeri delle esigenze scolastiche che, a nostro avviso, avrebbero dovuto contemplare una concentrazione di tipo differente. Prendiamo, peraltro, atto del perseverare dell’amministrazione nella scelta del sito e ci auguriamo che la spesa complessiva finale ammonti veramente ai 4 milioni di euro previsti e confermati dall’assessore Capetta in consiglio comunale, onde evitare un futuro eccessivo indebitamento dell’ente, per quanto per uno scopo importantissimo. Pensiamo, infatti, che dopo la costruzione del fabbricato, la partita legata alla sua fruibilità ed agli arredi interni comporterà ulteriori ed ingenti costi che allo stato attuale non sono stati contemplati. Vigileremo sull’utilizzo del denaro conferito dal cofinanziamento e dai contribuenti santostefanesi, affinché la nuova soluzione scolastica diventi davvero un’eccellenza del territorio”.