Quantcast
Vicino a pontremoli

La terra restituisce una stele di 5mila anni fa

Nuovo ritrovamento in Lunigiana. Si tratta di un volto femminile ornato da orecchini. Un contadino l'ha dissotterrata arando un campo e la stava per utilizzare per riparare una mulattiera. Traslata al Museo del Piagnaro.

Statua Stele ritrovata da Paolo Pigorini

Una testa di stele di eccezionale bellezza e stato di conservazione è stata consegnata al Museo delle Statue Stele Lunigianesi di Pontremoli. A trovarla Paolo Pigorini di Carrara, di origine pontremolese, che ha notato il manufatto mentre, insieme a suo padre Walter, stava salendo l’antica percorrenza acciottolata che, staccandosi dalla Francigena all’altezza della confluenza Magra-Verde (Pontremoli-San Lazzaro), sale a Monte Galletto.
Il contadino, arando il campo a lato, aveva raccolto le pietre più grandi per accumularle nella sottostante mulattiera, in totale abbandono.
Qui Pigorini ha notato “un sasso strano a forma di fungo” decidendo quindi di recuperarlo e portarlo a casa. Lavatolo dalla terra è arrivato il primo sospetto e pertanto, coinvolgendo amicizie comuni (i consiglieri comunali Jacopo Ferri e Massimo Lecchini), si è deciso di mostrarlo al direttore del Museo delle stele Angelo Ghiretti che lo ha riconosciuto come opera autentica dell’età del Rame. Avvisata immediatamente la funzionaria di zona della Soprintendenza, Marta Colombo, e la sindaca di Pontremoli Lucia Baracchini.

Ghiretti si è mostrato molto colpito dalla raffinatezza del volto, che presenta un volto femminile di quasi 5mila anni fa, con tanto di magnifici orecchini perfettamente conservati. Nel volto ad U si evidenziano gli occhi “a pastiglia”, come nella celebre testa della Verrucola o in quella da Caprio superiore, recentemente inserita nelle collezioni del Museo grazie al sostegno del Rotary Club Lunigiana.
Quello che invece non stupisce è il sito di ritrovamento, sul quale dice Ghiretti essere stato più volte alla ricerca di stele perchèé, come suggeriva Manfredo Giuliani in uno studio del 1955 (“Il Groppus de Tabernula sulla via di Montebardone e l’oratorio di S. Lazzaro di Pontremoli”), all’imbocco della gola dell’Annunziata si trova l’attraversamento forzato per eccellenza della testata di valle. Molte altre stele provengono da analoghe posizioni, poste nelle vicinanze di guadi in cui si doveva per forza transitare (Groppoli sul Geriòla, Talavorno sul Màngiola, Pontevecchio sul Bàrdine, Ponticello sul Càprio, Venelia IV sul Civìglia).

La pista antica non oltrepassava la gola (ciò avverrà frequentemente solo dopo la fondazione della SS. Annunziata nel XV secolo) ma risaliva il fianco Nord di Monte Galletto per poi ridiscendere verso la bassa valle dopo aver intercettato sulla sella l’antica percorrenza proveniente da Arzengio.
Proprio sulla sella di Monte Galletto si immagina esistesse, quasi cinquemila anni fa, un allineamento di statue-stele (di cui la nuova trovata sarebbe un frammento caduto nel campo sottostante), situazione che ricorda molto da vicino il Santuario di Minucciano col suo valico, cerniera naturale tra Lunigiana e Garfagnana. Un altro passo importante sul cammino straordinario delle stele verso la meta, la comprensione del loro significato oggi un po’ meno misterioso.