Quantcast
E' morto l'ex professore e regista teatrale Giorgio Sciaccaluga - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Aveva 95 anni

E’ morto l’ex professore e regista teatrale Giorgio Sciaccaluga

Il ricordo di Giorgio Di Sacco: "Era esempio di spezzino poliedrico e geniale, ironico e schivo".

Candela

Riceviamo da Giorgio Di Sacco Rolla e pubblichiamo: “Questa notte è deceduto Giorgio Sciaccaluga, professore in pensione; aveva 95 anni, ma sarebbe andato avanti ancora a lungo se non fosse stato colpito dal covid: stava bene, era lucidissimo. Perdo un caro amico che sarebbe stato coetaneo di mio padre.
Giorgio Sciaccaluga, che da almeno vent’anni si era trasferito ad Albenga per stare vicino alla figlia e al nipote, era un esempio di spezzino poliedrico e geniale, ironico e schivo che aveva trascorso tutta la sua carriere lavorativa nella sua città: geometra progettista prima, poi professore di educazione tecnica alle scuole medie, appassionato di teatro, autore di testi per ragazzi, scenografo, disegnatore. Era tutte queste cose e molto di più. Era uno di quegli “uomini universali” che sono sempre più rari e di cui si sente, sempre più la necessità.
Era un un uomo di fede critico, mai bigotto, rivoluzionario nel lavoro e conservatore nelle parole, fratello maggiore di quel Don Sciaccaluga che per decenni fu parroco di Portovenere. Nel ruolo di professore mise a frutto le sue capacità di regista teatrale autodidatta sviluppando laboratori di teatro per i ragazzi. Fu proprio nelle scuole medie di Vernazza e Monterosso dove insegnavo lettere che lo conobbi. Riuscì a coinvolgere tutto il gruppo docente nella ideazione e nella realizzazione di spettacoli teatrali, dai testi alle scenografie (era capace di creare dei piccoli capolavori con materiale di riciclo facendo lavorare gli studenti). Nel frattempo andava anche in giro per l’Italia a tenere seminari sul teatro nelle scuole. A lui interessava la funzione formatrice ed educatrice della rappresentazione teatrale ed era in grado di coinvolgere gli studenti, trasformandoli. Non metteva in scena recite scolastiche, ma veri e propri spettacoli teatrali, sebbene il suo scopo fosse eminentemente didattico. Imparai moltissimo collaborando con lui perché l’esperienza teatrale affinò il mio modo di rapportarmi con gli studenti a partire dal modo di occupare quello spazio scenico che è un’aula scolastica. Giorgio mi insegnò a prendere consapevolezza dello spazio e del gesto; per uno di formazione teorica e filosofica come me, i suoi consigli, le sue osservazioni, furono “riuvoluzionarie”. Sciaccaluga era anche un disegnatore ed un grafico bravissimo: collaborò sia con il Corriere della Sera, sia con la casa Editrice La Scuola di Brescia. Se non fece carriera e non divenne famoso fu per il suo attaccamento alla città natale. Qualche anno fa venne organizzata al Centro Allende una mostra dei sui disegni. Credo sia stata una delle ultime volte in cui rimise piede alla Spezia, di cui aveva sempre nostalgia; di cui mi raccontò aneddoti, vicende; del cui dialetto, che io conoscevo poco pur essendo un “nativo” perché in casa mia era vietato usarlo, mi insegnò espressioni e pronuncia. Aveva appartenuto al gruppo di giovani di piazza Brin che gravitarono prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale attorno a Don Mori, assieme a i fratelli Fregoso, a de Rosa di cui era amico.
Le decine di suoi studenti, tutti adulti, lo ricorderanno con ammirazione, affetto, come lo ricordo io e tutti i colleghi che in quegli anni eroici, collaborarono con lui allestendo spettacoli che incantarono la platea, come accadde una notte di giugno del 1989 nel cortile gremito di persone del comune di Vernazza , sulla sommità del colle, a picco sul mare. Un piccolo miracolo rimasto incastonato nella memoria di tutti coloro che parteciparono”.

Più informazioni