Quantcast
Stefano Mei sale al vertice dell'atletica italiana - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ce l'ha fatta

Stefano Mei sale al vertice dell’atletica italiana

L'ex mezzofondista spezzino supera al ballottaggio Vincenzo Parrinello. Nel suo discorso una citazione di Papa Francesco e la promessa: "Sarò il presidente della gioia".

Stefano Mei

Lo spezzino Stefano Mei è il nuovo presidente della Federazione di atletica leggera. Supera al ballottaggio Vincenzo Parrinello che al primo turno aveva ottenuto 24286 voti contro i 21563 di Mei e i 13410 di Fabbricini. Alle 13.30 il presidente dell’assemblea nazionale Pierluigi Matera aveva dichiarato aperto il voto. Alla chiusura delle operazioni di verifica poteri risultava rappresentato l’86,8% delle società aventi diritto al voto, per un totale di 58.755 voti su 67.692. Presenti in sala 426 dirigenti di società (27.497 voti), con deleghe pari a 31.258 voti. Presenti alla Fiera di Roma anche 311 atleti e 307 tecnici.

Prima avevano parlato i tre candidati. Per Mei una citazione di Papa Francesco (“siate costruttori di ponti e non di barriere”) e la promessa di essere “il presidente della gioia. Perché l’atletica è gioia, è la passione che hanno tutti i miei candidati, persone che vengono dal territorio, lo conoscono. Sono stato atleta fino a 33 anni, da quarantaquattro sono in questo mondo e vivo quotidianamente le problematiche che i club incontrano. Per le società serve un sistema premiante. Dobbiamo essere al passo con i tempi, traghettare la Federazione nel terzo millennio e guardare oltre, fino al 2028”.
Ascolto, meritocrazia e sussidiarietà i tre concetti su cui si è concentrato. “In queste settimane ho ricevuto l’appoggio di campioni come Berruti, May, Panetta, Levorato e tanti altri: li ringrazio per la fiducia e interpreto il loro pensiero quando dico che serve una discontinuità con il passato, un nuovo slancio. I tempi sono pronti per una rinascita dell’atletica”.

Più informazioni