Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La lettera

Battistini scrive a Sansa: "Proposta sciopero del sesso offensiva per chi ha problemi di salute"

Francesco Battistini

Caro Ferruccio Sansa,
ho letto il tuo post col quale inviti a boicottare la nota pillola blu della Pfizer, il Viagra, come ritorsione per sulle forniture vaccinali.

A parte la proposta ridicola di per se, ma sulla quale voglio sorvolare, il tuo post è un’offesa nei confronti di tutte quelle persone che hanno seri problemi disfunzionali sulla sfera sessuale.

Non raggiungere l’erezione e non poter fare sesso, o l’amore, con la propria compagna mina gravemente la stabilità psicofisica non solo del singolo ma della coppia: di due individui.
Ne mina l’affettività, il rapporto e la socialità!
Tutto ciò ne pregiudica ampiamente la Salute intesa nella vera accezione del termine e che non è la mera assenza di dolore fisico ma il raggiungimento di uno status di benessere completo.

Usare frasette sciocche tipo: “Saremmo un po’ meno frizzanti e più ansiosi”, oppure: “per chi proprio non ne vuole o può fare a meno, esistono medicinali generici”, è estremamente offensivo.

Sulla salute delle persone non si scherza Ferruccio.
Sulle scelte terapeutiche o, peggio ancora, sulle disfunzioni fisiche o fisiologiche delle persone non si fa becera politica da 4 soldi cercando di attrarre like.

Ci sono alcuni passaggi, nel tuo post, degni di una persona seduta al bar, con un bianchetto davanti dopo che si ha fatto rabboccare il bicchiere per l’ennesima volta e che parla, col sorrisino malizioso, dell’amico a cui rimane moscio.
Tu, invece sei un uomo delle Istituzioni ora. Sei un Consigliere regionale e certe libertà idiote NON te le puoi e non te le devi prendere!

Io, fossi in te, mi dimettetei dal Consiglio ma quantomeno ti invito a ritirare il post e a scusarti.
È il minimo sindacale che tu possa fare per un gesto di tal gravità.

Con tristezza,
Saluti,
Francesco Battistini