Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La storia, l'artista

Lutto nel mondo dell’arte, Giuliano Diofili non c’è più

Lutto profondo in città e nel mondo dell’arte. E’ scomparso all’età 72 anni il pittore grafico e scenografo Giuliano Diofili che lascia alla provincia spezzina un patrimonio immenso a partire dagli ultimi bozzetti dedicati all’opera di Calvino “Le città invisibili”. Nato alla Spezia nel 1948, Giuliano Diofili si diploma al liceo artistico e frequenta l’Accademia di belle arti di Carrara. Attivo dai primi anni Settanta con il gruppo Arti Visive Prometeo, tiene la sua prima personale al palazzo dei Vescovi di Sarzana (1978). Nel 1992 è fondatore del gruppo I Sette della Cittadella. Coordinatore artistico della iniziativa sarzanese “Calandriniana, laboratorio – incontro d’arte, come nasce un quadro” dal 1988 al 1995, conclude questa esperienza organizzandone l’edizione francese nella città gemellata Villefranche de Rouerge. E’ vincitore di due primi premi al Circolo Buttini di Carrara (1976 grafica, 1978 pittura).
Negli anni Ottanta l’artista si interessa alla rilettura in senso astratto degli Archetipi realizzando la serie dei “graffiti archetipi” e, in seguito, riformula una visione della mitologia in chiave “domestica” e post-industriale.
Nel 1992 Fonda il “Gruppo della Cittadella”, con una mostra inaugurale nelle sale appena restaurate della fortezza Firmafede di Sarzana e nella rocca di Vignola (Modena);
Collabora con Ferruccio Battolini per la pubblicazione dei “I quaderni della Calandriniana” (prima edizione).
Dal 1998 entra a far parte del direttivo dell’Associazione Culturale “Arthena” di Lerici, curando un corso di arte figurativa e partecipando al coordinamento delle manifestazioni culturali e artistiche. Per la stessa associazione collabora, come scenografo, alle attività del “Teatro iniziatico Athanor”, diretto da Angelo Tonelli allestendo le rappresentazioni della rassegna lericina Mythos Logos
Nel 2006 presenta “Leggendo al mare”, installazione permanente nel nuovo molo di Lerici, sponsorizzata dalla Fondazione Dino Olivetti di Chicago e dal College di Char-leston, S.C., USA, (patrocinio Città di Lerici);
Nel 2008 partecipa a “Mytho-dripping”, Charleston, South Carolina, USA con installazioni e dipinti realizzati nell’ambito del Piccolo Spoleto Festival “Aqua Mundi”
Nel 2009 Nell’ambito de “La Finestra sul Golfo” con la rassegna a lui dedicata dal titolo “geometrie interiori” raccoglie la produzione più recente che rivela un ulteriore mutamento del linguaggio formale, rivolto all’indagine intorno alla geometria. La rassegna ripropose anche un dipinto appartenente alle raccolte del CAMeC, donato dall’autore, una Composizione del 2007 che rappresenta una sorta di piccolo ‘studio’ relativo al ciclo attuale caratterizzato dalle grandi dimensioni
Nel 2014 “I disegni processuali di Giuliano Diofili” vengono esposti a Palazzo Roderio sede del Comune di Sarzana. Si tratta di disegni ed illustrazioni su indicazione di periti e di pentiti di mafia, serviti per la ricostruzione di alcuni stragi mafiose degli anni ’90. Un contributo fondamentale per la ricostruzione di alcuni fatti che hanno segnato la storia del nostro Paese come la strage di Capaci o quella di Via dei Georgofili che costò la vita al giovane studente sarzanese Dario Capolicchio.
Nel 2015 realizza l’opera “Georgofili, Firenze, maggio 93” che dona all’istituto Parentuccelli Arzelà di Sarzana all’apice di un incontro in memoria della strage nella quale perse la vita Dario Capolicchio.
Le sue opere, (alcune visibili in permanenza al palazzo del Governo della Spezia e all’interno dell’Ospedale San Bartolomeo di Sarzana), si trovano in collezioni pubbliche e private, in Italia ed all’estero.

Principali mostre e/o attività:
1974 “Face Standard”, Milano
1978 Palazzo dei Vescovi, Sarzana
1982 Bad Hissinger, Germania
1983 Centro Arti Visive “Perseo”, Firenze
1985 “Graffiti archetipi in un castello”, Lerici, Castello monumentale.
1990 “Tra due città”, Oratorio Santa Croce Sarzana (a cura del L.A.B)
1992 “Gruppo della Cittadella”, mostra inaugurale nella fortezza Firmafede di Sarzana e nella rocca di Vignola (Modena);
1998 Galleria d’arte Canci, Lerici;
Amburgo, Kunsthaustellung di Jesteburg;
“Ambiguità dell’inespressivo”, antologica presso il Centro Allende
1999 “Etruriarte”, Venturina (Livorno)
2002 “Opere sospese, opere celate”, (installazione) Oratorio n’Selaa di Tellaro
2004 “Pittori sarzanesi del secondo novecento”, Fortezza Firmafede di Sarzana
2005 “Ex-voto”, (installazione), Oratorio n’Selaa di Tellaro
2006 Galleria d’arte Eidos, Asti;
Inaugurazione “Leggendo al mare”, installazione permanente nel nuovo molo di Lerici
“Il nudo e il morto”, Galleria d’Arte 911, La Spezia;
“Saluti da Spezia”, foyer Centro Allende, La Spezia
2007 Galleria d’arte Artisti Oggi, Tossobuono, Verona;
“Ecce man” (installazione), castello monumentale di Lerici
2008 “Mytho-dripping”, Charleston, South Carolina, USA
Installazioni nell’ambito della rassegna “Argonauti” di Lerici
2009 “Geometrie interiori”, Camec, rassegna “La Finestra sul golfo” La Spezia
Arcola biblioteca comunale mostra “primavera lunigianense”
2010 “Geometrie Interiori”, Galleria Brandi, La Spezia
Mostra “Copie d’autore” Centro Allende La Spezia
2012 mostra degli elaborati dei corsi di pittura tenuti all’associazione Arthena
2013 ”Astrotempio dei poeti” installazione a Villa Shelley (Santerenzo SP)
2014 “I disegni processuali di Giuliano Diofili”, Palazzo Comunale, Sarzana.
“Mostra Graffiti archetipi 1982-1987” Atelier nuova Eleusis Sarzana
2015 Donazione dell’opera “Georgofili, Firenze, maggio 93” all’istituto Parentuccelli Arzelà di Sarzana

Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte di tutta la redazione di Città della Spezia.

Più informazioni