Quantcast
"No a pazienti Covid nelle Rsa, ad aprile conseguenze tragiche" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"fallimento"

"No a pazienti Covid nelle Rsa, ad aprile conseguenze tragiche"

Le opposizioni in consiglio regionale attaccano: "Il presidente Toti ha ignorato le nostre proposte".

Personal ospedale periodo Covid-19

“La Liguria da settimane è un caso nazionale per la diffusione del Covid. Oggi si segnalano il 37,8 per cento di positivi ogni cento tamponi, 999 nuovi positivi e 402 tamponi ogni 100mila abitanti (appena noni in Italia, vedi le tabelle Gedi). Intanto la Regione ha deciso di ospitare pazienti Covid nelle Rsa. Una strategia che ad aprile aveva avuto purtroppo conseguenze tragiche. È essenziale che almeno sia garantito che i malati siano ospitati in residenze totalmente dedicate al Covid e non in strutture dove sono presenti anziani. Non si può accettare il rischio di strutture, ingressi, passaggi comuni”. Lo affermano in una nota i capigruppo regionali Gianni Pastorino (Linea condivisa), Ferruccio Sansa (Lista Sansa), Fabio Tosi (M5S) e Luca Garibaldi (Pd).
“Come opposizione – continuano – avevamo offerto alla maggioranza le nostre proposte per cercare di fare fronte comune contro il nemico del Covid. La nostra idea era quella di usare gli alberghi, vuoti in questo periodo di bassissima stagione. Così si sarebbero ottenuti diversi risultati: assistere i malati, liberare gli ospedali dai casi meno acuti, sostenere un settore economico in crisi profonda. Giovanni Toti – presidente e assessore quindi primo responsabile di questo fallimento – ha deciso di ignorare le nostre proposte. Affrontare l’emergenza Covid significa essere uniti. Curare la malattia e non lasciare sole le persone. Solo così saremo una comunità”.