Quantcast
"Gestione schizofrenica del personale del Comune di Sarzana" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Spese in aumento di 60mila euro

"Gestione schizofrenica del personale del Comune di Sarzana"

Opposizione critica nel corso dell'ultimo consiglio comunale sia per gli avvicendamenti che per la questione avvocati. L'assessore Baroni: "Dipendenti hanno dato un grosso contributo. Un po' di flessibilità è normale, cercheremo di fare meglio".

Comune di Sarzana

Dopo quanto emerso nell’ultimo consiglio comunale, la capogruppo di “Siamo Sarzana” Beatrice Casini ha presentato un’interpellanza per chiedere all’amministrazione il dettaglio di tutti i movimenti di personale avvenuti a Palazzo Roderio dal primo luglio 2018 ad oggi. La stessa infatti nel corso della seduta aveva parlato di una “fuga risaputa dal Comune di Sarzana” dopo che anche il capogruppo Pd Castagna aveva chiesto chiarimenti all’assessore titolare della delega al personale Baroni in merito a cinque nuovi comandi in entrata (due agenti di Polizia Locale, due dipendenti dell’anagrafe e un avvocato fino al 31 dicembre) che comporteranno un aumento di spese per l’ente di circa 60mila euro.

“Questa è la dimostrazione di una gestione schizofrenica, sbagliata e fuori controllo – ha detto l’esponente Dem – che nell’ultimo anno ha portato a quattro delibere relative alla riorganizzazione del personale. Fra persone andate in pensione, altre che hanno usufruito di Quota100 e dipendenti storici che hanno chiesto il trasferimento siamo al 20-30% dell’apparato comunale. Fare cinque nuovi comandi mi sembra il modo sbagliato per arginare le fughe, è stato preso un dirigente per i lavori pubblici che dovrebbe essere messo al lavoro per questioni importanti e invece viene concesso “in comando” al Comune di appartenenza Viareggio. La situazione è cervellotica e fuori controllo visto che leggo anche delibere di nostri dipendenti richiamati per fare lavori ad hoc”.

Ancor più duro l’intervento di Mione (In azione per Sarzana) relativo all’avvocato civico Cozzani e al procedimento ancora in corso: “Immagino dovremo fare anche un consiglio comunale apposito per parlare della nomina fatta dal sindaco Ponzanelli e della causa persa drammaticamente con l’avvocato del Comune, la cui strategia difensiva sarà quella di intraprendere una causa per mobbing. Credo interverrà anche la Corte dei Conti, si poteva coinvolgere la conferenza dei capigruppo e invece si è aperta una crociata vergognosa verso l’avvocato Cozzani. La gestione del personale è allucinante, è stata smantellata in modo scientifico una classe dirigente e di funzionari nominati in epoca precedente, tutti messi nelle condizioni di andare via”.
“Sono d’accordo che Quota100 e pensionamenti possono aver determinato un carico di lavoro maggiore e una necessità di riorganizzazione degli uffici – ha osservato invece Rampi (FdI) per la maggioranza – l’Amministrazione si dovrà attrezzare ma al momento alcuni comandi sono in entrata proprio per ovviare al problema”.

“I dipendenti hanno dato un grosso contributo anche senza un dirigente – ha concluso l’assessore Baroni – qualche milione di euro di finanziamenti è stato intercettato grazie al loro lavoro e credo che anche i sindacati riconoscano il fatto che qualche progresso è stato fatto. Non credo sia tutto ‘male’ quello che stiamo facendo sul piano del personale, è chiaro che un po’ di flessibilità c’è e ci sarà sempre sia in entrata che in uscita ma credo sia la normalità delle cose. Ricevo lo stimolo di Castagna, cercheremo di fare un pochino meglio. Per quanto riguarda il comando parziale del dirigente in uscita abbiamo cercato di assecondare una sua richiesta per consentirgli di concludere alcune cose nel Comune di provenienza. Non ci siamo sentiti di negargli una possibilità che dimostra serietà e professionalità”.