LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cerimonia a genova

Un premio alla gestione del sistema bibliotecario spezzino

Biblioteca Beghi

Al Comune della Spezia è stato conferito diploma ‘Aib di Città amica delle biblioteche per le attività culturali in biblioteca e progetti di promozione della lettura’. Un bel riconoscimento per l’ottima gestione del sistema bibliotecario, in particolare per le azioni di valorizzazione compiute. Questan mattina, nella Biblioteca Universitaria di Genova, nel corso dell’incontro di fine anno dell’Associazione Italiana Biblioteche Liguria, il presidente regionale dell’Aib, Francesco Langella, ha riconosciuto l’impegno e l’attenzione rivolte al rafforzamento delle risorse umane dedicate alle biblioteche civiche, e gli importanti interventi nelle biblioteche cittadine ‘Mazzini’, ‘Beghi’ e alla Mediateca ‘Fregoso’. Impegno e attenzione che si consolidano, infatti, con il recente affidamento ad una cooperativa di alcuni servizi a supporto del personale comunale e con il bando per l’assunzione di un nuovo dipendente bibliotecario che uscirà il prossimo anno.

A ritirare il diploma, il vicesindaco Genziana Giacomelli, delegata dal sindaco Peracchini. Presente anche il dirigente dei Servizi Culturali Massimiliano Curletto. “Sono particolarmente contento – ha detto il sindaco – per il premio riconosciuto perché valorizza le nostre biblioteche quali luoghi di aggregazioni positivi, di incontro e confronto, dei giovani e dei meno giovani. Un premio che si giustifica anche nell’utilizzo modulare delle biblioteche e nella valorizzazione della lettura, attraverso iniziative da noi promosse”. Nell’occasione sono stati attribuiti riconoscimenti Aib anche alla Biblioteca scolastica dell’Istituto Fossati-Da Passano, al Comune di Sestri levante, ai consiglieri regionali Luca Garibaldi e Gabriele Pisani ed è stata l’occasione anche per premiare bibliotecari che da lunga data svolgono con impegno e passione il loro lavoro e sono considerati dall’Associazione come ‘soci d’oro’ Aib, ovvero iscritti da almeno trenta anni. Tra di loro anche la bibliotecaria spezzina Ilaria Gasperi.