LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cartelli e fischietti

Contestazione all’intitolazione di Largo Josemaria Escrivá

Un manipolo di contestatori ha accompagnato la scopertura da parte del sindaco Pierluigi Peracchini della targa per l’intitolazione dello spazio che si trova alla cuspide tra Via Sforza e Via Calatafimi a Josemaria Escrivá, fondatore dell’Opus Dei.
Il dissenso verso la decisione dell’amministrazione comunale era stato già espresso nel corso del consiglio comunale di lunedì scorso con l’esposizione di alcuni cartelli dallo stesso gruppo di persone, mentre contrarietà era stata dichiarata pubblicamente anche da buona parte dell’opposizione consiliare, dalla Uaar, dall’Anpi, da Rifondazione comunista e dal collettivo Non una di meno, che ha messo in atto un’azione di protesta nel corso della notte scorsa.

Ma alle 18 di oggi pomeriggio la cerimonia si è svolta ugualmente, introdotta, come detto, dall’esposizione di alcuni cartelli e dal trillare di alcuni fischietti. Nessun problema di ordine pubblico, solamente una contestazione pacifica, interrotta da alcuni agenti della Digos per consentire che la cerimonia di intitolazione si potesse svolgere.