LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

I libri di scuola costano troppo, l’Unione degli studenti organizza il mercatino dell’usato

Alcuni dei libri in vendita

“Siamo gli studenti e le studentesse che in tutta Italia stanno organizzando e partecipando ai mercatini del libro usato. Nonostante la scuola dovrebbe essere un diritto e accessibile a tutti come previsto dalla Costituzione, ci troviamo ogni anno a dover pagare in media tra i 500 e i 600 euro per i soli libri di testo (fonte: Federconsumatori). Questa spesa è eccessiva per noi e le nostre famiglie, quindi siamo costretti ad andare a scuola senza tutti i libri e trovarci svantaggiati nello studio, oppure a lavorare per pagarli: ma come facciamo a studiare ed andare a scuola se metà delle nostre giornate le passiamo al lavoro?

Alcuni invece non ce l’hanno proprio fatta ed hanno abbandonato definitivamente la scuola: in tutta Italia uno studente su 5 è costretto lasciare la scuola prima del diploma, una dispersione scolastica che raggiunge picchi del 33% nel meridione ed in Sardegna, le regioni dove le condizioni economiche sono più difficili e dove quindi le famiglie fanno maggiori difficoltà ad acquistare tutto il materiale necessario.

Tutto ciò è causato dall’insufficienza di finanziamenti per il diritto allo studio, oltre che dalla vergognosa speculazione delle case editrici: decidono arbitrariamente i prezzi dei libri solo per fare più profitto, cambiano le edizioni senza cambiare realmente i contenuti del libro solo per obbligarci a comprarne di nuovi ogni anno ed attaccare lo scambio di libri usati. Inoltre le case editrici decidono da sole il contenuto dei libri, quindi le cose che impariamo a scuola: impariamo ciò che sta nell’interesse di questi privati, non ciò che ci serve davvero. Ma se la scuola deve insegnarci a cambiare il mondo, e non a riprodurre il sistema che già esiste, dobbiamo decidere noi cosa ci deve essere scritto nei libri!

Siamo anche gli studenti che dal 15 Marzo in poi hanno invaso le piazze del mondo per protestare contro i cambiamenti climatici e le devastazioni ambientali: ma come facciamo a fermarli se nei libri non ce ne parlano? Come fermiamo l’inquinamento se la scuola ci offre solo un mondo di impianti inquinanti e non ci stimola ad immaginare un pianeta ecosostenibile? Anche per questo dobbiamo cambiare i contenuti dei nostri libri!

Ed è per sconfiggere questa forte disuguaglianza sociale e sopperire ai deficit di uno Stato assente, che l’unione degli studenti la spezia si è organizzata.

INIZIA IL MERCATINO DEL LIBRO USATO!
Martedì 27 agosto comincia finalmente il mercatino dei libri usati a La Spezia, con cui si dà una risposta concreta e materiale ai bisogni economici di noi studenti, costretti a spendere centinaia di euro per i libri che dovrebbero, in realtà, essere già garantiti dallo Stato.
In Liguria non è ancora presente una legge regionale sul diritto allo studio e non viene neppure accennata la necessità di un regolamento che tuteli veramente noi studenti e che assicuri finanziamenti per i libri di testo: per questo noi studenti abbiamo iniziato ad organizzarci da soli!

Come funzionerà?

Dal 27 agosto all’11 settembre effettueremo ritiro e vendita dei testi scolastici, dal 13 settembre al 25 ci dedicheremo solo ed esclusivamente alla vendita infine dal 27 settembre al 4 ottobre restituzione dei testi scolastici invenduti e restituzione del ricavato dai libri.

Il 30 agosto in occasione del festival “Fino al cuore della rivolta” EXTRA, il mercatino del libro usato dell’unione degli studenti la spezia sarà in contemporanea anche a Fosdinovo al Museo audiovisivo della resistenza.

L’organizzazione sul prezzo di vendita tratterrà una piccola percentuale per coprire le spese per sostenere il mercatino del libro usato!

Ti aspettiamo nel mese di agosto il martedì, il mercoledì e il venerdì, da settembre in poi il lunedì, il mercoledì e il venerdì, dalle 16.30 alle 19 al circolo Arci del canaletto!

Questa però non è la soluzione al problema: per garantire un reale diritto allo studio a tutti e tutte è necessario che in ogni scuola, per tutti i libri di ogni classe, si attivi il comodato d’uso gratuito dei libri, in modo che nessuno debba più pagare per accedere ad un diritto!

Pretendiamo quindi:

– Il finanziamento di una Legge Nazionale per il diritto allo studio in modo da garantire la gratuità di totale dell’istruzione

– L’attivazione in ogni regione del comodato d’uso gratuito per tutti libri di testo per tutte le classi, a prescindere dall’obbligo scolastico

– L’attivazione di una discussione tra il Ministero dell’Istruzione, il Forum delle Associazioni Studentesche e le Consulte Provinciali degli Studenti, al fine di definire delle modalità di controllo pubblico dei prezzi, delle pubblicazioni e dei contenuti dei libri scolastici, al fine di contrastare la speculazione delle case editrici.

Unione degli studenti La Spezia

Più informazioni