Quantcast
"Magra e Vara, situazioni di criticità idrogeologica da risolvere" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

"Magra e Vara, situazioni di criticità idrogeologica da risolvere"

Corso del Fiume Magra (foto di Parco Montemarcello Magra e Vara)

Da questa settimana il Canale Lunense potrà eccezionalmente derogare al deflusso minimo vitale, cercando di assicurare l’acqua agli agricoltori durante la perdurante situazione di criticità. Il Consorzio di Bonifica dovrà agire mantenendo il delicato equilibrio idrico del fiume e tutte le funzioni collegate come ad esempio l’uso potabile e il mantenimento delle specie e degli habitat acquatici. La deroga è stata decisa il 30 agosto a Firenze durante la conferenza dei servizi a cui ha partecipato il Parco di Montemarcello Magra Vara, il Dipartimento ambiente della Regione Liguria, la Regione Toscana, il Distretto Idrografico dell’Appennino Settentrionale, ARPAT, ARPAL e, in qualità di richiedente il Consorzio di Bonifica del Canale Lunense.

Durante l’incontro si sono discusse anche le possibili strategie da attuare nel futuro in casi simili. “Sarà importantissimo per l’ambiente e l’economia cercare di prevenire e mitigare situazioni come quella verificatasi quest’estate – dice Pietro Tedeschi, presidente dell’Ente Parco – cercando anche di standardizzare la procedura di deroga, che comunque dovrà rimanere un regime del tutto “straordinario”. A questo proposito, per velocizzare l’iter procedurale, il Parco ha
adempiuto a tutto quanto era in suo potere, finanziando quei monitoraggi che erano necessari per giungere in tempo alla
deroga. E prevedendo, se necessario e possibile, il recupero della fauna ittica. Questo grande impegno è stato sicuramente encomiabile e significativo, dato il coinvolgimento di tanti enti. Un’esperienza unica in Liguria e che ha toccato tanti temi non solo ambientali: la deroga al deflusso minimo vitale in una zona parco e area SIC, la tutela di habitat e specie, e in particolare dell’ittiofauna, il supporto alle attività agricole. Tutti aspetti sui quali il Parco ha cercato di dare risposte immediate ed efficaci. Mi aspetto perciò un riscontro a breve da parte dell’assessore Mai: credo sia molto importante il suo coinvolgimento date le sue deleghe per l’agricoltura, i parchi e la pesca.”