Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cultura e Spettacolo

A Moncigoli in scena BorgArte 2017: il binomio fra arte e cibo

Moncigoli

Dopo l’inaugurazione del padiglione per le cure oncologiche all’aperto, avvenuta lo scorso 4 agosto all’Ospedale di Fivizzano, e dopo il grande successo dell’ edizione 2017 del Volerock, l’attività dell’Associazione “Amici di Serena” di Moncigoli non si ferma: sta infatti per arrivare BorgArte 2017, la manifestazione dedicata all’arte in tutte le sue forme
che anima il bellissimo borgo della Lunigiana Orientale con artisti di vario genere come pittori, attori e musicisti. L’appuntamento è per sabato 16 e domenica 17 Settembre, mentre sarà possibile avere un assaggio venerdì 15 con il pre-opening di “Aspettando BorgArte…” “Siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti fino ad oggi – commenta Lucia Goberti, presidente dell’Associazione- con il nostro lavoro, con l’aiuto di tutti coloro che partecipano alle nostre iniziative, siamo riusciti a finanziare e a realizzare una piccola ma importante struttura che aiuterà chi soffre. Questo non è un punto di arrivo, con i fondi raccolti dall’ultimo Volerock finanzieremo il supporto psicologico ai pazienti oncologici, e con quello che raccoglieremo con le prossime manifestazione cercheremo nuovi progetti da finanziare, sempre con l’obiettivo di alleviare la sofferenza dei malati.”
Ma cosa ci aspetta nel prossimo BorgArte? “L’edizione 2017 è un modello tutto nuovo che vuole sperimentarsi, senza pretese, ma con grande passione e determinazione – ci spiega Elisabetta Dini, direttrice artistica dell’evento – sarà una commistione di tutte le arti, dai grandi scrittori si passerà a cantautori eccelsi, cantastorie e trampolieri. Protagonista
assoluto il teatro con spettacoli sotto le stelle, anche con grandi attori come Carlo Salvador della compagnia Gogmagog, spettacoli itineranti e metateatro. Un viaggio artistico e culinario, perché anche il cibo è arte e allora quale miglior occasione di vedere un bello spettacolo sul muretto del borgo con in mano un gustoso panigaccio e un buon rosso? Il
motto sarà infatti “Cibati di Arte!” per sottilineare il connubio fra queste due bellissimi elementi.”