Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Svastica e insulti, è proprio una Festa dell’Unità maledetta

Situazione difficile a Santo Stefano di Magra. La festa? Si farà, appuntamento dal 31.

Cartello della Festa dell'Unità imbrattato con insulti e con una svastica

Fino a pochi anni fa la Festa de L’Unità di Santo Stefano Magra era una solida realtà, volendo menzionare Roberto Carlino di Immobildream. Oggi, invece, nel pieno della crisi del Pd e dello stesso concetto di centrosinistra, il tradizionale festone estivo finisce nel calderone del conflitto tra le diverse anime del partito, con tanto di ormai immancabili frecciate social. La manifestazione – che pare aver rischiato addirittura di saltare – alla fine, tuttavia, si farà. Appuntamento dal 31 agosto al 3 settembre al campo sportivllo ‘Fratelli Matelli’ di Ponzano Madonnetta, con cena di autofinanziamento inaugurale a cura dell’Unione comunale Pd e del circolo santostefanese dei Giovani democratici.

Ed è proprio la giovanile del Pd di Santo Stefano che nelle scorse ore ha denunciato un increscioso fatto che ha preso di mira la Festa de L’Unità: atti vandalici di sapore nazifascista a danno dei cartelloni che reclamizzano l’evento. Esprimiamo con forza il nostro sdegno per l’esecrabile atto perpetrato la scorsa notte in zona Ponzano Madonnetta – così le giovani leve Pd -, dove ben tre manifesti della nostra Festa de l’Unità appena affissi sono stati o vandalizzati o strappati o macchiati con il simbolo dell’ideologia più aberrante che l’umanità abbia mai conosciuto”. Pioggia sul bagnato. Forse, però, anche un modo per ritrovare un minimo di compattezza di fronte al marchio della barbarie.