Quantcast
Gli antifascisti alla "riconquista" del Sagro - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

Gli antifascisti alla "riconquista" del Sagro

Domani una camminata in vetta alle Apuane dopo la foto pubblicata da un professore di Carrara con una bandiera repubblichina in mano. Organizza l'ANPI. Due giorni fa la commemorazione della strage nelle vicina Vinca: 173 fucilati nel 1944.

Con la bandiera della Repubblica Sociale sul Sagro

La querela del presidente della Regione Toscana, quella del sindaco di Fivizzano e la visita degli ispettori del Ministero dell’istruzione. E’ appena all’inizio la vicenda del professore di Carrara che ha “battezzato” con una bandiera della Repubblica Sociale Italiana la vetta del Monte Sagro, la seconda per altezza delle Alpi Apuane. Sul gesto, che ha fatto il giro d’Italia, arriva adesso la condanna dell’Anpi che domani si recherà in cammino sulla montagna per reclamarne l’antifasciamo.
“Il gesto che costituisce di per sé un reato, quello di apologia di fascismo, è ancora più grave perché chi lo compie è un professore in servizio e soprattutto perché dalla cima del Sagro sarebbe bastato abbassare lo sguardo per vedere l’abitato di Vinca, dove il 24 agosto si è svolta la commemorazione per le 173 vittime uccise dalle SS e dalle brigate nere carraresi nel 1944. Il gesto compiuto pochi giorni prima di quella crudele strage è quindi un ulteriore oltraggio a quelle vittime e, più in generale, a tutte le vittime del fascismo”, scrive in una nota l’associazione.

“C’è stata, per fortuna, un’indignazione generale e da parte delle istituzioni e dell’ANPI sono partite le denunce nei confronti del professore nostalgico del duce e un nei prossimi giorni sarà inviato un esposto al Provveditorato agli studi per chiedere un’indagine sul comportamento del professore durante lo svolgimento del suo ruolo di educatore. Tutto questo deve essere inquadrato in un preoccupante clima di rigurgito fascista che le due province di Massa-Carrara e la Spezia stanno vivendo ormai da mesi, come testimoniano i diversi attacchi a lapidi e monumenti… attraverso i social abbiamo dato notizia della ripulitura di alcuni di questi monumenti ad opera della nostra associazione”, continuano i partigiani.
In tanti sono pronti a partire anche dalla Spezia per la pacifica spedizione di domani sul Monte Sagro. “Archivi della Resistenza, che ieri era a Vinca come ogni anno, aderisce all’iniziativa lanciata dell’ANPI Casola Fivizzano “Hans e Sophie Scholl” per domenica 27 agosto, quando tutti gli e le antifascisti sono invitati a raggiungere la vetta del Monte Sagro con le nostre belle bandiere, quelle della democrazia e della libertà”, è l’invito.

info 3407509932 o 3200953791

Più informazioni