Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Bandiera Rsi sul Sagro, il presidente della Toscana denuncia il professore

Anche dal comune di Fivizzano questa mattina ha annunciato l'intenzione di voler denunciare l'uomo.

Manfredo Bianchi sul Sagro con la bandiera repubblichina

Denuncia alla Procura della Repubblica sulla base delle leggi che puniscono l’apologia di fascismo. E’ questo il mandato che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dato all’Avvocatura regionale, nei confronti di Manfredo Bianchi, che su Facebook ha postato una foto che lo riprende mentre sventola una bandiera della Repubblica Sociale di Salò in cima al Monte Sagro, sulle Alpi Apuane.
La decisione di procedere in questo senso – annunciata dal presidente sul suo profilo Facebook – avviene nel giorno dell’anniversario dell’eccidio di Vinca, ai piedi del monte Sagro, una delle più atroci stragi nazifasciste avvenute in Toscana insieme a Sant’Anna di Stazzema: furono 173 le vittime per mano dei soldati nazisti di Reder fiancheggiati da un centinaio di fascisti repubblichini.

La stessa amministrazione comunale di Fivizzano questa mattina, in una nota, ha comunicato la sua intenzione a voler denunciare l’insegnante, per il quale il Comune di Carrara ha chiesto all’istituto dove era impiegato di sollevarlo dall’incarico.
L’amministrazione di Fivizzano ha comunicato che valuterà se ci siano gli estremi della denuncia penale per apologia del fascismo cosi come previsto dall’art.4 della legge 20 giugno 1952 n.645 e da leggi successive “che sanziona chiunque promuova od organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un’associazione , di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, principi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche.