Quantcast
"Sul filo... degli Urs Karpatz" spettacolo la Fondazione Devlata di Sarzana - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

"Sul filo… degli Urs Karpatz" spettacolo la Fondazione Devlata di Sarzana

Urs Karpatz

Lunedì 27 giugno a partire dalle ore 19.00 con un aperitivo offerto al pubblico, la Fondazione Devlata di Sarzana darà avvio alla giornata di festa conclusiva delle sue attività 2015/2016 con ospiti speciali gli Urs Karpatz, famoso gruppo internazionale di musica zigana.
La serata di spettacolo inizierà invece alle 21.00 con il concerto degli Urs Karpatz e qualche numero di filo teso con Emma Edvige Ungaro, Damian Elencwaig, Gianmarco Bartoletti e ovviamente Bolli Lia (il vero protagonista di tutta l’esperienza del Bolli Circus- Fondazione Devlata).
Lo spettacolo “Sul filo… degli Urs Karpatz” (come il precedente “Bolli on wire” del 16 aprile scorso), è il frutto dell’esperienza di Bolli Lia, un ragazzo di 13 anni che cammina sul filo e che si allena tutti i giorni con costanza assieme ai propri insegnanti, Edvige e Damian.
Per vedere i suoi numerosi progressi, è possibile visitare il Blog personale alla pagina http://bollicircus.blogspot.it/
Questa volta però i numeri di filo teso, antica disciplina di arti circensi simile al funambolismo, saranno sottolineati dalla musica dal vivo nel concerto del gruppo gitano Urs Karpatz (www.urskarpatz.com).
Gli Urs Karpatz, conosciuti anni fa da Bolli e da Marina Lia nella magia del Pellegrinaggio dei Gitani delle Saintes Maries de la Mer in Francia, sono un gruppo di otto elementi, il cui repertorio attinge principalmente proprio alla tradizione zigana.
In questo spettacolo l’eclettico gruppo degli Urs Karpatz adatterà le proprie musiche alle evoluzioni su filo degli artisti della Fondazione e eseguirà poi un intero concerto spaziando in tutto il proprio ricco repertorio.
Sarà un’occasione da non perdere non solo per conoscere in forma gratuita gli spazi e le molteplici attività della Fondazione Devlata (www.fondazionedevlata.eu) , ma soprattutto per passare una serata all’insegna della buona musica e dell’arte nel bellissimo chapiteau rosa simbolo della Fondazione.