Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Si è spento Giuliano Nevari, titolare della libreria "Ricci"

Il ricordo del sindaco Federici: "Era bello entrare e intrattenersi con lui. Sapeva con garbo e delicatezza proporti libri, incuriosirti e farti scoprire nuove meravigliose storie".

Un evento alla libreria Ricci

E’ morto Giuliano Nevari, anima della libreria “Ricci” di Via Chiodo. Migliaia di libri sugli scaffali di un vero e proprio tempio del sapere conosciuto da tutti gli spezzini. Dietro quel bancone c’era Giuliano e Lucrezia, l’inseparabile moglie che aveva ereditato l’attività del padre. Un grande appassionato del suo mestiere, un ottimo conoscitore (e consigliere) di titoli classici e di attualità, si è spento ieri a soli 55 anni per colpa di una malattia incurabile. Con lui se ne va un signore dai modi gentili che sapeva trattare con la medesima intensità con i giovani ragazzi che si avvicinano all’arte della lettura con curiosità e brama di conoscenza, così come con professionisti, avvocati e intellettuali che amavano e amano quel luogo culturalmente elegante e senza tempo: di Giuliano tutti hanno sempre apprezzato le qualità morali e la grande ospitalità nella libreria che alla Spezia ha fatto, e continua a fare, epoca. “Ho appreso con profondo dispiacere – ha dichiarato il sindaco della Spezia Massimo Federici – della prematura scomparsa di Giuliano Nevari. E’ una grande perdita per la città e per tutti coloro che, come me, lo hanno conosciuto. In questi anni ho frequentato la Libreria Ricci, un luogo della cultura di questa città, gestita con cura e passioni uniche da Giuliano e dalla moglie Lucrezia. Era bello entrare e intrattenersi con lui. Sapeva con garbo e delicatezza proporti libri, incuriosirti e farti scoprire nuove meravigliose storie. Ci mancherà, mi mancherà. Alla moglie Lucrezia e all’adorato figlio Leonardo porgo a nome della città e mio personale la più affettuosa vicinanza”.

Più informazioni