Quantcast
Miss Stereochemistry da Bacchus presenta "Ruins in bloom" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cultura e Spettacolo

Miss Stereochemistry da Bacchus presenta "Ruins in bloom"

Import 2014

Domani sera torna all’osteria Bacchus la straordinaria Miss Stereochemistry, ormai ospite prenatalizio d’abitudine in Viale Amendola. Stereochemistry è il progetto “one woman” di Karla Hajman – aka Miss Stereochemistry, ex scienziata che ha lasciato gli studi dottorali in “Experimental Audiology” per arrivare a qualcosa di totalmente differente nell’ascolto. Originaria di Belgrado, ex Yugoslavia, Karla suona fin da ragazzina, influenzata da suo padre grande e conosciuto musicista. E’ proprio durante i suoi primi studi universitari, che Karla fonda il progetto Stereochemistry, nome che indubbiamente richiama le sue sfumature scientifiche. Dopo aver pubblicato il primo demo “Love inside” (2005), Stereochemistryva era a Stoccolma, impegnata come ricercatrice presso il Karolinska Institutet.

Ma la vita del laboratorio non è adatta a un cuore gitano. Così dopo varie avventure musicali da globetrotter in giro per l’europa, Karla lascia i laboratori per una nuova dimensione cabaret in quel di barcellona, dove si specializza in street performance. Stereochemistry è l’emblema dell’originalità, trasformismo, critica della società moderna ed autoironia, Stereochemistry “music & cabaret” non lascia indifferenti. Settembre 2010, prende vita il suo primo live/studio chiamato “Vagabond Cabaret”. Registrato a Istanbul, “Vagabond Cabaret” è una collezione di esperienze di vita e di viaggio in musica.

Domani sera Karla presenterà il suo atteso ultimo disco “Ruins in bloom”, scritto e registrato nel corso del 2013. Prodotto in USA da Jason Rubal (Amanda Palmer / Dresden Dolls, Rovina Bitter, ecc), e sostenu?to da una campagna Crowd Funding, l’album segna un punto di riferimento nella produzione di Karla, un punto di crescita e saggezza. L’album si apre con facilità e sincerità su argomenti difficili come la depressione, essendo ancora un tabù nella società di oggi, offrendo una nuova prospettiva: la depressione come una trasformazione, piuttosto che uno stato passivo semplicemente “negativo”. Karla definisce come un “pregiudizio-killer, privo di censura auto-inflitta”. Dal 2014 Karla è anche una parte di un duo triphop, i “Kinestatics”, insieme a Steven Rutter di B12?, con sede a Londra.

Info 3394908117 – 3479221644.