LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

Piazza Verdi, il Tar dà ragione al Comune

Nella sentenza le motivazioni per cui viene annullata la revoca parziale dell'autorizzazione. Tortorelli, avvocato di Italia nostra: "Valuteremo se è possibile fare ricorso".

Lavori in Piazza Verdi

Il filare dei pini di Piazza Verdi “non riveste un interesse culturale in sé” e “costituisce soltanto una componente” della piazza, che “risultava già soggetta alle disposizioni di tutela” quando la Soprintendenza rilasciò al Comune della Spezia l’autorizzazione a realizzare il progetto Vannetti-Buren. Sono questi i principali motivi per i quali il Tar della Liguria ha emesso oggi una sentenza con la quale viene accolto il ricorso dell’amministrazione spezzina nei confronti della revoca parziale dell’autunno 2013, con la quale l’ufficio ministeriale dichiarava di fatto intoccabili le alberature.
Il collegio del Tribunale amministrativo annulla quindi i provvedimenti impugnati dal Comune.

“Valuteremo se sia possibile fare ricorso al Consiglio di Stato – afferma l’avvocato Rino Tortorelli, rappresentante Italia nostra, associazione che insieme a Legambiente era intervenuta nel dibattimento ‘ad opponendum’, in appoggio all’Avvocatura dello Stato -. Non abbiamo ancora avuto il tempo di valutare nel dettaglio la sentenza. Confido che domani il sindaco deciderà di dare il via al taglio degli alberi in barba alla posizione di una parte della cittadinanza, visto che ora secondo il pronunciamento del Tar il Comune si muove nella legittimità. La valutazione giuridica è stata fatta, ora restano da fare quelle di altro genere. Secondo il Tar la relazione della dottoressa Ratti non era necessaria (sarebbe stato compito della Soprintendenza valutare l’interesse culturale del filare – Ndr) e l’autorizzazione comportava una verifica negativa del valore dei pini. Alberi che di fatto secondo il Tar non c’entrano con la piazza”.

Per leggere la sentenza nella sua interezza clicca qui.

Più informazioni