LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ci saranno tullio solenghi, stefano fresi e molti altri

Elio Germano aprirà la stagione teatrale dell’Astoria di Lerici

Presentato il nuovo cartellone che avrà uno spettacolo in più rispetto all'anno scorso e darà spazio anche alle compagnie locali e agli appuntamenti per le scuole. Saisi: "Grande lavoro di squadra ha permesso di allestire un programma con nomi di primo piano". Rinnovo abbonamenti dal 10 ottobre.

Elio Germano

Prenderà il via il 23 novembre con Elio Germano e Teho Teardo in “Paradiso XXIII” la stagione teatrale dell’Astoria di Lerici che proseguirà con altri sei spettacoli e iniziative collaterali, fino al 6 aprile. Un cartellone ricco di temi, quello presentato questa mattina dalla consigliera con delega alla cultura Lisa Saisi insieme, frutto di un ottimo lavoro di squadra svolto da tutte le componenti comunali e teatrali – con il supporto degli Scarti – che oltre ad implementare l’offerta rispetto all’anno scorso, ha permesso di inserire nel programma nomi di primo piano del teatro italiano.
“Lo slogan di questa stagione sarà “Accendi l’Astoria” – ha sottolineato Saisi – un riferimento a un luogo a cui noi come amministrazione ma soprattutto tutti i lericini sono affezionatissimi e che offre sempre occasioni di scambio di idee dall’alto valore sociale, grazie ai temi affrontati negli spettacoli. È stato fatto un grande lavoro collettivo – ha aggiunto – e dal confronto di diverse personalità è stato possibile realizzare un programma in grado di soddisfare i gusti di tutti, e nel quale non mancherà lo spazio per le compagnie locali e per le scuole”.

Presentazione stagione teatrale Astoria

Come detto si partirà con l’adattamento del XXIII canto del Paradiso di Dante Alighieri, in una rappresentazione con voce e musica per descrivere la bellezza e l’immensità del mistero della vita e della fede. Il secondo appuntamento sarà con Tullio Solenghi ed Elisabetta Pozzi che martedì 3 gennaio presenteranno “I maneggi per maritare una figlia” un’opera di Gilberto Govi, grande omaggio allo scrittore genovese. Il 10 gennaio sarà la volta di un altro grande classico del teatro: “Il mercante di Venezia” di Shakespeare per la regia ed adattamento di Paolo Valerio con Franco Branciaroli che pone l’attenzione sul tema del denaro, dell’avidità, della lealtà, temi che dal 1598 sono sempre stati protagonisti dell’umanità.
Il 26 gennaio toccherà a “Una vita che sto qua” di Ivana Monti per un salto nella contemporaneità di Lorenteggio, uno dei quartieri popolari più degradati di Milano. Integrazione, abusivismo, povertà: ancora temi potenti che attraversano le poche storiche persistenti e inesorabili. Martedì 21 febbraio ci sarà “Il sequestro” con Roberto Ciufoli, Nino Formicola e Sarah Biacchi per la regia di Rosario Lisma, commedia inedita in Italia ma che arriva sulla scia dei successi stranieri dell’autore Fran Nortes che affronta qui temi come il potere, la burocrazia, la corruzione ed il lavoro. Sarà poi la volta di “Non è vero ma ci credo”, giovedì 23 marzo con Enzo Decaro, una tragicommedia di Peppino de Filippo trasportata nella Napoli degli anni 80 in cui convivono Maradona, Pino Daniele e Mario Merola. Infine “Cetra una volta”, giovedì 6 aprile con Stefano Fresi, Toni Fornari ed Emanuela Fresi. Un concerto spettacolo che vuole essere un tributo al gruppo più celebre del palcoscenico e della televisione italiana dagli anni ’40 agli anni ’80: il quartetto Cetra.
Dopo gli spettacoli di prosa, ci sarà spazio a “Lerici in Palcoscenico” ad ingresso gratuito, che vedrà protagoniste le compagnie teatrali del territorio comunale e che da quest’anno apre anche alla danza. Oltre alla Compagnia del Teatro Iniziatico di Angelo Tonelli che presenta “Manteion – Dalla distopia all’utopia attraverso la sapienza”; alla compagnia Marilontani che porta in scena la commedia “Andreucio dar poso” famosa novella boccacesca ed alla compagnia amatoriale serrese la Sembiada che presenta “Rifarsi una vita” commedia brillante di Oreste De Santis, il corpo di ballo di Prodanza porterà in scena “Lo specchio dell’anima”. A corredo anche la sezione “Infanzia a teatro”, tre appuntamenti dedicati alla scuola, per mettere in relazione infanzia e teatro e creare dialoghi, confronti, percorsi ed esperienze: si parte con “Becco di Rame”, dal libro di Alberto Briganti vincitore premio Eolo Awards 2018 “Miglior spettacolo di teatro di figura” in scena il 29 novembre, per proseguire con “Quadrotto Tondino e la Luna” il 16 febbraio e concludere con “Storia di Uno” il 31 marzo. Ancora, la rassegna “Tutti a Teatro” con un appuntamento con e per le famiglie, con l’intento di creare un’esperienza condivisa per figli e genitori, capace di regalare complicità ed empatia: “Il più furbo – Disavventure di un incorreggibile lupo” dall’opera di Mario Ramos.
Dal 10 ottobre i vecchi abbonati potranno rinnovare le proprie tessere e il 17 ottobre avranno la possibilità di scegliere un altro posto. La nuova campagna partirà infatti dal 18 ottobre e resterà aperta fino al 13 novembre mentre sarà possibile anche effettuare acquisti per i singoli spettacoli negli orari di apertura del teatro o direttamente nella data interessata. Per informazioni contattare il 348 5543921.

Franco Branciaroli
Più informazioni
leggi anche
Mare
Segnalati dai bagnanti
Ferri pericolosi sul fondale a Fiascherino, intervento urgente di rimozione
Serra a Lerici
Il bando
All’asta otto box auto al parcheggio della Serra
Roberto Vara
"scelta non facile"
Lerici, Vara si dimette dal consiglio. Pronto a subentrare Gabriele Fresco
Alessandra Di Sibio
Seconda edizione
Festival della Salute di Lerici, tra gli ospiti Sgarbi, Odifreddi e Crepet