LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Situazione nel carcere spezzino

Medusei: “Carcere spezzino in emergenza, servono nuovi agenti e ripristino Provveditorato”

Gianmarco Medusei

“La situazione nel carcere spezzino è di grande emergenza. Non solo per i numerosi episodi di aggressioni e violenze con cui gli agenti della polizia penitenziaria si ritrovano costantemente a fare i conti, ma anche per il sovraffollamento, causato dalla chiusura di un piano del carcere e dalla soppressione del Provveditorato della Liguria”. Così in una nota il presidente del consiglio regionale Gianmarco Medusei. “Altro dato che fa riflettere – prosegue l’esponente spezzino della Lega – è anche quello che riguarda i detenuti: 86 sono di origine straniera a fronte dei 156 posti totali disponibili all’interno con 16 detenuti in più della capienza totale, ma considerando che un piano è chiuso per lavori gli spazi sono più ridotti con maggiore sovraffollamento. L’altra grande criticità riguarda la mancanza nella nostra regione del Provveditorato, istituto fondamentale per il coordinamento della sicurezza degli istituti e dei servizi penitenziari. Al momento il riferimento per la Liguria è ricaduto su quello di Torino, ma occorre che al più presto sia ripristinato il Provveditorato ligure, al fine che si possa mirare ad avere nuovi agenti disponibili, che al momento sono troppo pochi, anche per diminuire le condizioni di stress quotidiano a cui sono sottoposti i lavoratori della polizia penitenziaria”.
“Senza contare infine altri numeri – conclude Medusei -: da gennaio a oggi si registrano 32 episodi di autolesionismo, cinque di aggressione al personale, tre manifestazioni di protesta collettiva, un decesso, quattro tentativi di suicidio, fino a 17 invii urgenti in ospedale e la recente tentata evasione da parte di un detenuto. Per questo condivido l’allarme dei sindacati sulla delicata situazione del carcere spezzino con  numeri  che parlano da soli e che dunque richiedono una maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione penitenziaria e del Ministero della Giustizia”.

Più informazioni
leggi anche
La casa circondariale di Villa Andreino
Chiesti specifici interventi
Criticità in carcere, Prefetto ha ricevuto i rappresentanti sindacali della Penitenziaria
Polizia penitenziaria
Dopo l'incontro in prefettura
Aggressioni e legionella, i sindacati chiedono un carcere più moderno
Polizia locale
I controlli della polizia locale
Mezzi elettrici: manomissioni, alterazioni e violazioni, i numeri dei primi sette mesi del 2022
Carcere Villa Andreino
Iniziativa
Il Partito Radicale in visita a Villa Andreino