LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Problema enorme, soluzione semplice

I battelli per le Cinque Terre diventano isola ecologica per i turisti

Per alleviare i conferimenti nei borghi e sulla Passeggiata Morin, già cinque barche sono attrezzate per la differenziata e altre seguiranno. "Per anni abbiamo provato a sensibilizzare i nostri passeggeri sul tema", esulta Rudy Biassoli del Consorzio marittimo 5Terre. Iniziativa in collaborazione con Iren e Parco naturale. Dal Fabbro: "I rifiuti possono essere ricchezza". Presto isole ecologiche anche nelle marine. Bianchi: "Vogliamo essere un modello per il mondo"

Differenziata sui battelli del Consorio marittimo

I traghetti tra la Spezia, Porto Venere e le Cinque Terre diventano un hub per la raccolta differenziata, per dare una soluzione ai turisti di passaggio e alleviare i borghi sul mare dal peso dei rifiuti che i visitatori producono. Un’idea semplice a cui hanno lavorato assieme Iren, il Parco nazionale ed il Consorzio Battellieri Uniti, e che ha visto la luce questa mattina. Cinque barche hanno già installato i classici bidoni –  plastica e metallo, carta e cartone, residuo non riciclabile – a bordo, abbinandoli ad una campagna di informazione che sarà portata avanti presso i passeggeri.

Il messaggio è: piuttosto che inondare i cestini dei paesi, dei sentieri e della Passeggiata Morin, tenetevi negli zaini le bottiglie, il packaging e le confezioni fino al ritorno in barca, che funziona in pratica da isola ecologica. “Per anni abbiamo avuto nel nostro piano di gestione a bordo quello della riduzione dei rifiuti, il tentativo di proporre ai viaggiatori l’accortezza di usare il meno possibile la plastica – ha detto Rudy Biassoli, presidente del consorzio di navigazione -. E’ un accordo che ci è venuto naturale e che speriamo possa essere di ispirazione per tutti quelli che vivono sul mare”.

Differenziata sui battelli del Consorio marittimo

 

“Oggi lanciamo una piccola campagna, con un grande significato, – ha detto Luca Dal Fabbro, presidente di Iren – nata per dare una risposta ad un’esigenza del territorio e sensibilizzare il turista che visita le Cinque Terre. Una campagna che permette di trattare un rifiuto e di farne così ricchezza per il territorio. La bottiglietta di plastica che sarà conferita sui battelli sarà valorizzata in un ciclo continuo: l’economia circolare come nuovo modello di vita”. Il manager ha sottolineato il “lavoro di squadra” che ha messo assieme una società per azioni, un ente parco statale e una compagnia di navigazione locale, pur di dimensioni importanti nel settore.

Luca Dal Fabbro

 

Donatella Bianchi, presidente del Parco Cinque Terre, si sofferma sul “valore culturale di questa iniziativa, in un territorio che vuole passare all’economia circolare. Dico sempre che l’energia migliore è quella che decidiamo di non consumare, ma non possiamo pensare di vivere sotto una teca di cristallo. Quindi, mentre proviamo a limitare i consumi, diamo agli ospiti la possibilità di conferire i rifiuti correttamente, associando questo gesto al momento di pura bellezza che vivono potendo navigare su questo mare e lungo questa costa”.

Non c’è solo questo all’orizzonte per il Parco. “Organizzeremo delle isole ecologiche nei marina – annuncia Bianchi -. per gli operatori del territorio, ovvero i nostri pescatori, che devono sapere che tornando a terra troveranno una soluzione al problema dei rifiuti prodotti a bordo”. Inoltre sono già partite le iniziative annuali di plogging, che abbinano l’escursione sui sentieri alla raccolta dei rifiuti. Sono gratuite: in pratica il camminatore “paga” la visita guidata indossando i guanti e portando via eventuali elementi inquinanti. “Vogliamo essere un esempio a livello internazionale – conclude la presidente -. Da qui parte un segnale che va nella direzione del fare”.

Differenziata sui battelli per le Cinque Terre

 

Allo svuotamento delle isole ecologiche sui traghetti e al conferimento dei rifiuti recuperati con il plogging penserà Acam Ambiente. “Grazie ad Iren che ci dà il modo di affrontare un tema così importante e complesso in maniera originale”, ha detto il sindaco Pierluigi Peracchini. “Il nostro territorio ha la percentuale più alta in Liguria di raccolta differenziata ed è diventato nel frattempo un hub turistico di rilevanza – le parole dell’assessore Giacomo Giampedrone -. Risultati che si raggiungono grazie ad azioni concrete come queste”.

leggi anche
Quelli del... plogging
I giovani danno il buon esempio
Sapete cos’è il plogging? Un toccasana per sé stessi e per l’ambiente
Rimozione dei rifiuti abbandonati al confine con Castelnuovo
In arrivo nuovi finanziamenti
Due nuovi centri per la raccolta differenziata ad Arcola e Luni, potenziati altri dodici in provincia
Capitaneria di porto in azione
Intervento della capitaneria
Scontro tra natanti a sud del Tino, 60enne all’ospedale
Albatros
Domenica sera
Apericena sull’Albatros durante i fuochi del Palio. Ma ci si può anche solo assicurare un posto a bordo in prima fila