LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Lettere a cds

Una lettrice: “Maltrattati tra i tavoli del bar alle Cinque Terre. Questa è una accoglienza inaccettabile”

Manarola

“Oggi ero con un’amica e il figlio foresti alle Cinque Terre. A Manarola il ragazzo va a fare il bagno, noi ci sediamo ai tavolini di un bar per sfuggire al caldo. Cameriera gentilissima, consumiamo, paghiamo. Quando il ragazzo torna dal bagno, in costume ma coperto da asciugamano, si sta mettendo le scarpe quando una signora, che capisco dopo essere la titolare, viene al nostro tavolo urlando che per cambiarsi c’è il bagno, che non ci si cambia in mezzo ai tavolini e continua ad urlare mentre io, attonita, cerco di spiegare che non si sta cambiando…
Continuando a urlare insulti rientra nel bar, io respiro profondamente e la seguo per chiarire… perché anche avessimo sbagliato non si urla così in faccia alla gente… soprattutto ai clienti.
“Non mi stia a dire niente, sono a casa mia e faccio come voglio; se non si siede lei si siede un altro… vada vada…”. Questo ciò che mi sono sentita dire senza riuscire ad avere un minimo dialogo.
Sono rimasta nervosa e affranta. Sono di Genova, riconosco che “l’accoglienza” della regione spesso lascia a desiderare… ma così no. È inaccettabile. Poi leggo recensioni su vari siti e capisco che non è un caso ma una costante… e allora ritengo che se non mi siedo io bisognerebbe non si sedesse nessuno, così forse questa “signora” capirebbe cosa sia il rispetto… vergognoso.
Così si vanifica il lavoro di tutti”.

Lettera firmata

Più informazioni