LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
I dati

Differenziata, lo Spezzino conferma il primato regionale con il 75,12 per cento

Sette comuni sopra quota 80. Toti e Giampedrone: "Ora fondamentale svoltare per la parte impiantistica". Peracchini: "Nostro territorio esempio virtuoso".

Cassonetti della raccolta differenziata dei rifiuti

Raggiunge il 55,71% la raccolta differenziata in Liguria nel 2021, in aumento rispetto al 53,46% dell’anno precedente e 17 punti percentuali in più rispetto al 38,63% del 2015. “La provincia della Spezia – informa la nota regionale – conferma il suo primato con il 75,12% di raccolta differenziata, seguita dalla Provincia di Savona, al 63,55%, entrambe in aumento di circa un punto rispetto al 2020. Sale leggermente anche la Provincia di Imperia che arriva al 53,53%, mentre la Città Metropolitana di Genova si attesta al 48,40% con un aumento di 3 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Migliora la prestazione del Comune di Genova, che arriva alla soglia del 40% (39,92%). Al netto del Comune di Genova, la Liguria si assesterebbe ad una percentuale di raccolta differenziata del 64,36%, vicinissima agli obiettivi individuati anche dalla pianificazione regionale, mentre il resto della Città Metropolitana si trova già al 66,34%”. È quanto emerge dal report approvato dalla giunta regionale, con i risultati di raccolta differenziata ottenuti da ciascun comune ligure nel 2021 e l’accertamento contestuale del contributo che 79 comuni liguri dovranno versare entro il 30 settembre 2022, sulla base del nuovo parametro incentivante legato alle quantità di rifiuto indifferenziato eccedente la percentuale del 35% rispetto al totale del rifiuto prodotto (in peso).

“Siamo cresciuti di 20 punti percentuali in sei anni di applicazione dall’entrata in vigore della legge voluta da questa giunta – commentano il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore al Ciclo dei rifiuti Giacomo Giampedrone – con la radicale riforma del sistema. È un risultato straordinario. E nonostante anche il 2021 sia stato un anno complesso a causa della pandemia, il trend della raccolta differenziata in Liguria continua a migliorare. Oggi abbiamo messo in campo gli strumenti per fare nei prossimi anni un ulteriore balzo in avanti, grazie al nuovo Piano di gestione dei rifiuti che andrà in aula nelle prossime settimane ed è assolutamente strategico: oggi, con questi livelli di differenziata, è fondamentale svoltare per la parte impiantistica con la chiusura del ciclo dei rifiuti. È un tassello fondamentale per massimizzare le opportunità previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e assicurare, in pochi anni, il definitivo passaggio da un sistema basato sulle discariche, ad un sistema moderno basato sull’economia circolare, in cui le discariche diventano del tutto residuali, con la realizzazione di un nuovo impianto terminale di chiusura del ciclo esclusivamente per la componente indifferenziata in uscita dagli impianti di trattamento meccanico biologico. Il prossimo Piano che stiamo per varare è esattamente su questo tema, ponendo obiettivo 67% di raccolta differenziata entro i prossimi 6 anni”.

Sono 132 (due in meno rispetto al 2020) i Comuni che hanno raggiunto e superato il 65% della raccolta differenziata (erano 120 del 2019, 110 del 2018, 100 del 2017, 63 del 2016 e 32 del 2015): avranno diritto, a partire da luglio, allo sgravio fiscale per il conferimento in discarica della frazione residua, articolato in fasce di risultato, dal 30% al 70% dell’importo base.
Tra i comuni più virtuosi vi sono 6 degli 11 comuni con più di 15mila abitanti: La Spezia, che con 78,52% cede il primato ad Albenga, che raggiunge l’81,99%, a seguire Sestri Levante (72,79%), Chiavari (69,54%), Imperia (67,32%) e Rapallo (66,37). Sarzana scende poco sotto la soglia con 64,52%, seguita da Sanremo con 61,75%, mentre si confermano nello stesso ordine dell’anno precedente Savona (41,97%), Genova (39,92%) e Ventimiglia (30,02%).
Sono 23 i comuni con percentuali di raccolta differenziata superiore all’80%, sette dei quali dello Spezzino: Riccò del Golfo (86,5 per cento), Follo (85,88), Carrodano (83,27), Luni (84,90), Ameglia (81,81), Santo Stefano Magra (80,73) e Monterosso (80,19). Dieci invece i comuni della provincia sotto la soglia del 65 per cento di rifiuti raccolti in maniera differenziata: sotto di poco Riomaggiore (64,84%), Rocchetta Vara (64,83) e Sarzana (64,52), un po’ più lontani Bonassola (62,56), Varese Ligure (62,59), Calice al Cornoviglio (61,83), sotto il 60 per cento Porto Venere (59,83), Deiva Marina (59,67), Maissana (54,40), Borghetto Vara (50,72).

Questa (QUI in Pdf) la graduatoria completa della nostra provincia:

 

Raccolta differenziata, i valori 2021 dello Spezzino

 

Per quanto riguarda la produzione di rifiuti pro capite, sono 62 i Comuni con un tasso molto basso, inferiore del 30% rispetto alla media regionale di 540 kg per abitante, e che, pertanto, non si vedranno applicare in ogni caso l’addizionale del 20% sull’ecotassa sui conferimenti in discarica dei rifiuti residui. I Comuni con i valori complessivi di pro-capite annuo più alto, oltre i 1.000 kg/ abitante anno sono 7, con il Comune di Portofino che arriva a ben 1.886 kg. Seguono Gorreto (1.117), Diano Marina (1.028), Tiglieto (1.025), Rovegno 1.014, Monterosso (1.011) e Vernazza (1.003), tutti comuni caratterizzati da flussi turistici particolarmente intensi rispetto ai residenti.
Per quanto riguarda invece la sola frazione indifferenziata residua, salgono a 60 i Comuni che hanno un pro capite inferiore ai 100 kg / abitante anno.
Per assicurare il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata previsti, la normativa vigente dispone che i Comuni concorrano al sistema gestionale di ambito versando alla Regione 5 euro per ogni tonnellata di rifiuto urbano indifferenziato residuo, eccedente il 35% in peso rispetto al totale del rifiuto prodotto per l’annualità di riferimento. E sono 79 i comuni che dovranno versare a Regione entro il 30 settembre gli importi accertati, per un totale di 519.991,04 euro: gran parte del contributo, sensibilmente diminuito rispetto al 2020, è dovuto dal Comune di Genova (362.588 euro, rispetto ai 778.768 euro dell’anno precedente). Seguono i Comuni di Savona (36.815 euro, rispetto ai 63.058 del 2020) e Ventimiglia (che in un anno dimezza il dovuto, scendendo a 28.127 euro). Sono solo 20 i Comuni tenuti ad un versamento superiore ai mille euro, 56 quelli tenuti ad un versamento inferiore ai mille euro. Nel 2020 i Comuni interessati dal versamento erano 87, per oltre 1 milione di euro complessivo.

“Il dato che ci arriva dalle analisi della Regione è una importante conferma per la provincia spezzina – commenta Pierluigi Peracchini in qualità di presidente della Provincia -. Siamo in crescita e l’impegno sulla raccolta differenziata sta dando importanti frutti. Si tratta di un lungo lavoro che è stato portato avanti in questi ultimi anni per risolvere la situazione che abbiamo trovato dopo decenni di errori e cattive politiche ambientali, ma questo non deve essere visto come il traguardo finale. Serve sempre fare di più. Serve garantire continuità e migliorare il servizio. Per questo, per noi, oggi è solo un nuovo punto di partenza e da questo risultato possiamo costruire ulteriori politiche locali di incentivo allo sviluppo della raccolta differenziata e per la miglior gestione del ciclo dei rifiuti. Da parte dell’amministrazione provinciale l’impegno è chiaro e garantiamo collaborazione con i Comuni, con le attività locali e con l’azienda di gestione. Il risultato è frutto di un lavoro condiviso, ma soprattutto si deve valorizzare la maggiore attenzione dei cittadini, ciò ci garantisce di essere sulla strada giusta per mantenere questa crescita. Oggi, finalmente, possiamo dire che il lavoro costruito in questi anni lo si vede nei risultati lungo le strade. Non ci dimentichiamo che sino a pochi anni fa avevamo montagne di rifiuti attorno ai cassonetti o in certe aree, La Spezia era un esempio negativo. Oggi ci possono essere ancora situazioni di emergenza, ma quando capitano sono problemi isolati e sono un’eccezione a cui viene subito dato rimedio. Il risultato che festeggiamo lo dobbiamo concepire come la normalità, quello che c’era prima era un’anomalia che è stata risanata con il lavoro dei sindaci e dei cittadini, grazie anche alla forte sinergia con la Regione. Il territorio spezzino è un esempio virtuoso per la Liguria ed i dati ci fanno capire che abbiamo fatto bene, tutti assieme. Deve essere un vanto condiviso da tutta la comunità, ma anche uno stimolo per non fermarci su quella che sappiamo sia la strada giusta”.

leggi anche
Fiume Magra
Attualità
Siccità: le fonti sono ai livelli di fine estate, i pozzi reggono. Ma preoccupa il calo della portata del Magra
Museo Audiovisivo della Resistenza
Libri e gastronomia fino a domenica
Al Museo della Resistenza si apre la “Sagra del km0”
Teatro Impavidi
Ponzanelli: "riferimento culturale per il territorio"
Il Teatro degli Impavidi sarà ancora più moderno e più green
Gli assessori Marnati e Giampedrone
Non solo la città metropolitana di genova
Rifiuti, Liguria e Piemonte lavorano a un rinnovo dell’intesa che riguardi anche Savona e Imperia
Cassonetti per la differenziata a Sarzana
Differenziata
Pd: “Rifiuti, Sarzana ‘bocciata’ e ‘multata’ dalla Regione amica”
Isola ecologica Greti di Durasca, foto dalla pagina Facebook del Comune di Follo
Lavori terminati
Riaperta l’isola ecologica di Greti di Durasca
Corteo contro il digestore
Martedì 19 luglio
Piano rifiuti in consiglio regionale, presidio degli attivisti anti biodigestore
Area ripulita
La segnalazione e l'intervento
Rifiuti in Via Filzi, area ripulita
Isole di zona, la 'prova' del sindaco Peracchini
Rifiuti
Differenziata all’80.3 per cento, nuovo picco per la raccolta spezzina