LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Sala odeon

Cinema in Mediateca, si riparte in contemporanea con il Festival di Venezia

Oltre 60 giorni di apertura della sala dal 18 marzo 10 giugno. Il sindaco Peracchini: "Un grande successo di pubblico e una vera e propria svolta culturale".

Ingresso Mediateca Regionale "Sergio Fregoso"

A partire dal 18 marzo scorso la Mediateca Regionale Ligure ‘S. Fregoso’ ha riportato il cinema nel quartiere Umbertino. La storica Sala Odeon di Via Firenze, 37 è tornata in azione con una ricca programmazione cinematografica. Sono stati più di 60 i giorni di apertura della sala con una programmazione che ha spaziato da prime visioni per la città, film premiati nei vari festival internazionali, film capolavoro restaurati, produzioni indipendenti, che hanno dato voce ai loro registi e attori e che hanno portato in sala più di 800 persone. “Il cinema all’Umbertino è stato un grande successo di pubblico e una vera e propria svolta nella cultura della Città – dichiara il Sindaco della spezia Pierluigi Peracchini -. La Spezia deve essere orgogliosa che, mentre in tutta Italia a seguito della pandemia e non solo, tante sale cinematografiche hanno purtroppo chiuso i battenti o sono in forte crisi, qui abbiamo scommesso proprio sul cinema, sul riportare le persone in sala, sulla cultura. E lo abbiamo fatto nello storico quartiere dell’Umbertino dando la giusta veste alla Mediateca Regionale Ligure. Continueremo su questa linea, con investimenti mirati e promuovendo il cinema di alta qualità a prezzo popolare, legando anche sempre di più il cinema alla lettura, con le attività delle biblioteche civiche. Una sinergia importante e fondamentale dal punto di vista culturale che restituirà una vitalità senza precedenti in tutta la città”.
La sala, comunica Palazzo civico, riaprirà a settembre dopo la pausa estiva con un interessante programma in contemporanea con le uscite in sala del Festival del Cinema di Venezia.

Le attività di questi ultimi tre mesi

Un’apertura in grande stile, il 18 marzo, con l’anteprima per la città del film di Giuseppe Piccioni L’ombra del Giorno. La programmazione è poi proseguita all’insegna del cinema internazionale, con la rassegna dal titolo ‘Natürlich. Il cinema tedesco e la sostenibilità ambientale’, seminario di lettura filmica a cura di Giordano Giannini, patrocinato dal Comune e organizzato da ACIT e Cineteca del Goethe-Institut di Roma. In contemporanea sempre a Marzo ha preso il via ‘Pasolini 100 – I capolavori restaurati’, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, sono stati proiettati Mamma Roma, Accattone, Edipo re, il Vangelo Secondo Matteo, Uccellacci e Uccellini, La Ricotta e il Decameron.

Anche il cinema documentario è stato al centro della proposta culturale della Mediateca, con le proiezioni di  Postcards from Ukraine alla presenza del regista Sieva Diamantakos; quindi One Earth – Tutto è connesso, di Francesco De Augustinis; La Nuova Scuola Genovese, docufilm sull’incontro tra rap e cantautorato scritto e ideato da Claudio Cabona e diretto da Yuri Dellacasa e Paolo Fossati. Anche le scuole sono state coinvolte nel ‘Progetto Odeon’; con la proiezione de Il sole dentro in collaborazione con l’Istituto Cardarelli. Non sono poi mancate le giornate dedicate ai bambini con I Cine-Laboratori organizzati dalla Cooperativa Socioculturale e le proiezioni del sabato e domenica. E non è mancata la commedia italiana con Corro da te e Settembre, né il giallo, con Only the Animals – Storie di spiriti amanti, dal romanzo Seules les Bêtes di Colin Niel, né il titolo da Oscar Belfast, di Kenneth Branagh; in programmazione anche Licorice Pizza, l’atteso ritorno di P. T. Anderson.
Tra le anteprime proiettate, Lunana alla fine del Mondo, film candidato agli Oscar 2022 come miglior film internazionale, Tra Due Mondi del regista e scrittore Emmanuel Carrère, Una Madre Una Figlia, presentato in Concorso all’ultimo Festival di Cannes e al Torino Film Festival nella Selezione ufficiale.  Sugli schermi della Sala Odeon, in esclusiva, anche Tromperie – Inganno del pluripremiato regista Arnaud Desplechin, tratto dal romanzo di Philip Roth; il film vincitore dell’Orso di Berlino 2022 Alcarass, infine Lettera a Franco, riflessione tra arte e politica.
Si è poi svolta a giugno una giornata dedicata ai cortometraggi, con la rassegna ‘Cortometraggi che Passione’ messi a disposizione di FICE (Federazione Cinema Essai). Chiusura poi il 10 giugno con una produzione indipendente, il film Buon Lavoro – nel cast del film lo spezzino Jacopo Falugiani – regia di Marco De Murtas, con regista e attori presenti in Mediateca.

La sala cinema della Mediateca ha inoltre ospitato presentazioni di libri con la rassegna “Succede in Biblioteca”, organizzata dal Sistema Bibliotecario Urbano, e la presentazione del libro Fellini 70, presentato dallo scrittore Nicola Bassano, storico del cinema che ricopre il ruolo di responsabile dell’Archivio Federico Fellini della Cineteca del Comune di Rimini. Alla presentazione è seguita la proiezione della versione restaurata di Amarcord. E sempre in Mediateca la Fondazione Carispezia ha realizzato gli incontri ‘Cortile’, dell’artista Jacopo Benassi, serie di eventi collaterali alla mostra Matrice.

 

Più informazioni
leggi anche
L'ingresso dell'area Vaccari
Santo stefano
La sala lettura della biblioteca diventa anche spazio per esposizioni di pittura
Generico giugno 2022
In attesa della finale del campiello
Un altro premio letterario per Bernardo Zannoni e “I miei stupidi intenti”
Presentazione Festival Musica e Suoni
Fine settimana di eventi a sarzana
Torna il festival Musica e suoni con un’edizione ispirata a “In nome della madre” di Erri De Luca
Lunigiana Land Art 2022
Dal 30 giugno al 3 luglio
Lunigiana Land Art chiude con quattro giorni di eventi e festa
Dave Grohl in Studio 666
Studio 666
La commedia horror con i Foo Fighters all’Arena di Piazza Europa
Anche l'Umbertino protagonista al Latin Festival di Milano
Musica
Dall’Umbertino al Latin Festival di Milano