Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Riqualificazione

“La nuova Piazza Garibaldi pronta a fine 2023”

Illustrata ai santostefanesi una prima idea progettuale.

L'incontro sulla riqualificazione di Piazza Garibaldi

Posti auto spostati lato Statale della Cisa, via i dislivelli, area a ridosso del borgo non più carrabile. Questi alcuni tratti salienti del progetto di fattibilità per la riqualificazione di Piazza Garibaldi, presentato ieri dall’amministrazione comunale, inaugurando un processo partecipato volto a raccogliere le impressioni della comunità santostefanese. “Una riqualificazione – ha affermato la sindaca Paola Sisti di fronte a una platea di circa quaranta persone – che intende rendere la piazza più vivibile, allontanando dalla Cisa l’area destinata alla fruizione pedonale, e che porterà anche più lavoro alle attività, perché dove puoi muoverti con maggiore sicurezza, la frequentazione aumenta. Certo, resta sempre il grande tema di un luogo a fianco del quale passa la Statale, ma, appunto, con questo intervento vogliamo spostare la vita della piazza più all’interno”.
Come detto, lato Via Roma continuerà il transito (con uscita immaginata su Via Carso, attraverso un cambio di senso di marcia su parte di Via Roma), ma non ci saranno più i parcheggi, sarà solo possibile la sosta a servizio delle attività che sorgono sul tratto di strada. Mentre l’idea è ricavare, lato Cisa, 17 posti auto, un parcheggio con ingresso da sud e uscita da nord sulla Cisa (o verso il centro storico). La zona dei posti auto, come la strada a servizio degli stessi che percorrerà la piazza, sarà divisa da barriere fisiche dal resto del luogo; come anche la parte a ridosso del paese, ora carrabile, una volta resa pedonale (eccezion fatta per il piccolo tratto di uscita dal nuovo parcheggio da 17 posti auto). “Realizzare parcheggi è necessario sia per le attività commerciali ma anche per una questione si sicurezza, per non avere auto ferme sulla Cisa”, ha affermato la sindaca, in risposta ad alcune perplessità arrivate dai presenti in merito alla realizzazione degli stalli.

La proposta di riqualificazione di Piazza Garibaldi presentata alla cittadinanza

L’idea di riqualificazione presentata alla cittadinanza.

 

“L’idea progettuale – ha spiegato l’architetto Cristiano Caramelli, che ha realizzato l’idea progettuale raccogliendo le indicazioni di Palazzo civico – intende far sì che la piazza diventi più luogo di aggregazione e anche maggiormente accessibile, andando a eliminare i vari dislivelli. Questo senza trascurare la necessità di posti auto. Cercheremo poi di mantenere il più possibile la presenza delle attuali alberature, aggiungendone altre”. Creando ad esempio una serie di sei alberature nella fascia centrale della piazza. “Siamo partiti dal concetto di dare al luogo un aspetto più da piazza, di avere spazi più accoglienti, di evitare dislivelli e, per quanto possibile, le interferenze con il traffico, anche se la presenza della Statale pesa tanto ed è difficile mitigarla, se non cercando, come prevediamo di fare, di spostare il traffico rispetto all’utilizzo della piazza, aggiungendo parti fruibili dalla cittadinanza nelle aree più interne”, ha osservato l’architetto Federico Ricco, responsabile dell’Area tecnica dell’ente, che ha poi toccato altresì i temi del recupero della Casa di Cecchino e della realizzazione di un parcheggio a servizio del centro storico su Via Carso, “che sono a livello di progetto definitivo”, ha spiegato. Intervento anche il comandante della Polizia locale, Maurizio Perroni, che in merito all’idea di riqualificazione presentata ha parlato di “una soluzione ragionevole, che porterà a una piazza più ordinata”.

“Per Piazza Garibaldi, Casa di Cecchino, parcheggio su Via Carso e riqualificazione del Parco dei Castellari – ha proseguito la prima cittadina – assieme a Castelnuovo abbiamo partecipato a un bando per ottenere finanziamenti del Pnrr. In caso di vittoria otterremmo 1 milione e 700mla euro che ci permetterebbe di realizzare tutti e quattro gli interventi; qualora non ci riuscissimo, ci potranno comunque essere altre vie per intercettare finanziamenti. Altrimenti potremmo anche attingere a nostre risorse, ragionando per lotti, e partendo da Piazza Garibaldi. La riqualificazione della piazza penso possa essere completa per la fine del 2023″. La sindaca ha altresì ribadito la disponibilità ad accogliere critiche e input (a questo fine è stato anche distribuito un questionari). Tra i suggerimenti arrivati dalla cittadinanza, inserire nel progetto una fontana.

leggi anche
'Casa di Cecchino' a Santo Stefano
Santo stefano
Ipotesi museo della Rievocazione per la ‘Casa di Cecchino’
Olivi su Via Carso a Santo Stefano
Trenta stalli
Santo Stefano, l’idea è un parcheggio su Via Carso
Santo Stefano Magra
Le acquisizioni del comune
Santo Stefano, in arrivo speedvelox e due telecamere mobili
Panorama di Santo Stefano di Magra
L'appuntamento
Torna a Santo Stefano la Festa del vino del Goto Club
Santo Stefano, consiglio comunale
Consiglio comunale
Santo Stefano approva la mozione sulla regolamentazione del retroporto
Paola Sisti
"abbiamo le rampe, potremmo fermarci lì"
“Preoccupatissima per ponte Santo Stefano-Ceparana, spero in ripensamento”