Durerà fino a ottobre

La torre di Castelnuovo Magra riapre con una mostra di Gianni Berengo Gardin

"Il colore distrae, un mondo in bianco e nero" sarà visitabile dal 25 giugno, in concomitanza con Benvenuto Vermentino. Montebello: "Ripartiamo con un grande maestro della fotografia", la curatrice Sacconi: "Percorso fotografico pensato appositamente per la torre e dedicato a cinque paesi stranieri".

Presentazione mostra Gianni Berengo Gardin

Cinque paesi stranieri e trenta foto del maestro del reportage e della fotografia sociale. Dopo due anni complicati la torre di Castelnuovo Magra tornata ad ospitare una mostra e lo fa con il grande Gianni Berengo Gardin che sarà presente in piazza Querciola il 24 giugno per l’inaugurazione de “Il colore distrae, un mondo in bianco e nero”, che sarà visitabile negli spazi verticali della turris magna fino al 9 ottobre. L’esposizione, curata da Elisabetta Sacconi, è stata costruita e pensata appositamente per questo luogo e ripercorre l’essenza della carriera di Berengo Gardin con un ideale viaggio in ordine cronologico, con una tappa per ogni piano, che parte da Parigi per arrivare all’India, passando da New York, la Spagna e la Gran Bretagna dove fu scattata la celebre foto scelta per la locandina che era stata inizialmente prevista per il 2020 e poi bloccata dall’emergenza sanitaria, mentre nel 2021 nel centro storico era stata organizzata solo quella di Maurizio Duranti. “Finalmente torniamo a parlare anche di mostre – sottolinea il sindaco Montebello – e con il ritorno di Benvenuto Vermentino che si terrà nello stesso fine settimana di apertura,  possiamo sperare di aver superato la pandemia e di prepararci ad accogliere nuovamente i turisti sperando di poter tornare, anche grazie al nome di Berengo Gardin, ai numeri degli anni scorsi. Si tratta di un grande maestro della fotografia – aggiunge – che era già stato qui durante la personale su Chatwin e che, come accaduto con Steve McCurry, torna ora con le sue opere grazie al lavoro fatto da Elisabetta che ha tenuto rapporti e contatti con il fotografo e la sua famiglia che hanno deciso di impreziosire questa mostra, la seconda in Italia dopo quella imponente del Maxxi di Roma, con uno scatto inedito”.
“Fin da subito – prosegue Sacconi – hanno confermato la volontà di portare una mostra a Castelnuovo, anche per la grande amicizia che lo legava a Pepi Merisio a cui Castelnuovo ha dedicato una personale. Sono stati scelti solo scatti fatti all’estero per avere un percorso pensato appositamente per noi e una realtà più di nicchia. Le trenta foto scelte racconteranno i suoi viaggi in parti diverse del mondo che ha voluto conoscere e frequentare, e tratteranno temi per lui sempre importanti come l’uomo e la vita sociale. Il sesto piano della torre ospiterà poi una video intervista realizzata appositamente e sarà impreziosito da alcuni ritratti familiari che creeranno un ambiente ancora più intimo”.
“Teniamo molto alla fotografia e a questa mostra – concludono Montebello e l’assessore Cecchinelli – perché negli anni siamo riusciti a fidelizzare un pubblico di appassionati che ci ha sempre seguito con grande attenzione. Si tratta di un modo di veicolare la cultura che intercetta un tipo di turismo perfetto per il nostro territorio e le sue strutture ricettive che hanno sofferto molto in questi due anni e che speriamo di poter rilanciare”.

La mostra sarà aperta il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 12 alle 19 nel weekend di giugno e in quelli di settembre e ottobre, mentre nei mesi di luglio e agosto sarà visitabile dal martedì al giovedì dalle 17 alle 20.30 e dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20.30.

Più informazioni
leggi anche
Gianni Berengo Gardin a Castelnuovo Magra
Cultura e Spettacolo
Berengo Gardin: "Una vita in viaggio a fare ciò che amavo"
Import 2014
Il mestiere del fotoreporter raccontato da Berengo Gardin
Fortezza Firmafede Sarzana (Cittadella)
2 e 5 giugno
Festa della Repubblica e Domenica al museo, ecco le aperture dei luoghi della cultura statali
Gianni Berengo Gardin a Castelnuovo Magra
Sarà visitabile fino al 9 ottobre
Gianni Berengo Gardin inaugura a Castelnuovo la sua mostra “Il colore distrae”