Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Domani in consiglio

Oliveto nella Tenuta, Spilamberti: “Patetico annuncio del Pd su voto negativo”

Tenuta di Marinella

“Decisamente patetico l’annunciato voto negativo del Partito Democratico al nuovo uliveto di Marinella, un investimento epocale che supererà anni di declino della tenuta, adducendo come scusa gli orari di apertura al pubblico del nuovo parco olivicolo. Orari peraltro condivisi con la cittadinanza, che vuole tenere lontani insicurezza e degrado notturni ai quali invece, evidentemente, tiene tanto il PD”. Lo afferma il consigliere comunale di Cambiamo Sarzana Luca Spilamberti, membro della Commissione territorio, alla vigilia del consiglio in cui si voterà la convenzione. “Non siamo sorpresi – prosegue – come erano lontani dai cittadini quando governavano, impegnati soltanto a spartirsi il potere, sono rimasti lontani oggi, preoccupati soltanto di demolire tutto ciò che di buono Sarzana può ottenere, per combattere con ogni mezzo questa Amministrazione. Dobbiamo, ad essere sinceri, riconoscergli la coerenza: come per decenni hanno voluto ostinatamente accompagnare Marinella e Sarzana verso un declino continuo e inesorabile continuano ora, opponendosi ad ogni tentativo di rinascita dal degrado a cui l’hanno lasciata. Contrari alla nuova Colonia Olivetti, che dopo decenni di abbandono guarda a un futuro di crescita e bellezza, affannati per mesi a contestare il suo futuro con illazioni, dubbi e improbabili dichiarazioni sull’acquirente e sulle sue capacità finanziarie, per la loro somma tristezza ora che l’acquisto è definitivo e la Colonia potrà liberarsi dal degrado a cui è stata costretta per quaranta lunghi anni. Contrari alla rinascita del borgo e ai 15 milioni ottenuti da questa Amministrazione, impegnati addirittura a scrivere di nascosto al Ministero da cui abbiamo vinto il bando per convincerli che no, Sarzana doveva proprio perdere quei fondi. Infine contrari al nuovo uliveto e a un atto che definirà finalmente, nero su bianco, l’uso pubblico dei percorsi della tenuta fino ad oggi lasciati nell’ambiguità, inventandosi come scusa quella degli orari. Facciano finalmente un favore a sé stessi, prima che a Sarzana: votino per una volta per il bene del territorio, non contro. Non hanno davvero più scuse”.

Più informazioni