Quantcast
Spezia-Thiago, lunedì per l'addio. Luca Gotti per sostituirlo - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La strada è segnata

Spezia-Thiago, lunedì per l’addio. Luca Gotti per sostituirlo

Lo Spezia ha deciso di voltare pagina e lo ha comunicato, senza sorprese, a Motta ed entourage. Al momento nessun esito è da escludere, ma l'esonero è l'unica opzione che si vuole evitare. Si cerca una exit strategy che preservi l'integrità della figura dell'allenatore, magari una rescissione consensuale. Per sostituirlo la prima scelta è Luca Gotti, con cui sono già stati avviati contatti esplorativi trovando un'immediata disponibilità di massima a prendere in mano il progetto.

Spezia-Udinese 0-1, serie A 21/22

La strada è segnata: lo Spezia e Thiago Motta sono pronti a separarsi. Questa mattina un summit in videoconferenza tra il presidente Philip Platek, il direttore sportivo Riccardo Pecini ed il tecnico brasiliano ha posto le basi per un addio che si dovrebbe concretizzare la prossima settimana. Lunedì 30 maggio è programmato un secondo appuntamento per trovare le modalità più indolore possibile, visto che Motta è legato a Via Melara da un contratto fino al 2024.

Lo Spezia ha deciso di voltare pagina e lo ha comunicato a Motta ed entourage, nella considerazione che l’equilibrio trovato durante la stagione appena trascorsa sarebbe troppo complicato da ricreare. Nessuna sorpresa d’altra parte, le stesse parole del tecnico nelle ultime conferenze erano carezze d’addio alla piazza, che gli ha tributato lunghi attestati d’affetto anche nei momenti più difficili della stagione. Circostanza che non impedisce alla società una valutazione profonda ed una scelta che, guardando il risultato, potrebbe apparire poco comprensibile.

In verità, con il mercato bloccato, il club punta a preservare al massimo l’integrità dello spogliatoio e a cercare un allenatore in grado di coinvolgere tutta la rosa a disposizione, stabilire una linea comunicativa interna oltre che con la tifoseria. Quel professionista sarà con tutta probabilità Luca Gotti, con cui sono già stati avviati contatti esplorativi trovando un’immediata disponibilità di massima a prendere in mano il progetto. Poche altre alternative in campo: Claudio Ranieri è un profilo al momento troppo alto nonostante il terzo anno consecutivo di serie A, Nenad Bjelica è legato all’Osijek per un altro anno e c’è una clausola di rescissione da pagare, mentre Andrea Pirlo sarebbe una scelta non abbastanza di rottura.

Luca Gotti

 

Prima però di scegliere il sostituto c’è da chiudere il capitolo Motta, che lascia da vincitore dopo aver condotto un gruppo capace di superare ostacoli che potevano risultare micidiali: l’addio last minute di Italiano, la preparazione saltata a causa del Covid, il blocco del mercato, gli infortuni in serie, l’indisponibilità di Leo Sena che si è prolungata per tutta la stagione.

Al momento nessun esito è da escludere, ma l’esonero è l’unica opzione che si vuole evitare. Si cerca una exit strategy che preservi l’integrità della figura dell’allenatore, che con la salvezza dello Spezia lancia la sua carriera. Magari una rescissione consensuale come quella che Thiago accordò al Genoa nel 2019. Allora addirittura senza chiedere un centesimo, gesto di una signorilità raramente emulata.

Più informazioni