Quantcast
Carenza di stagionali del turismo, un protocollo per coinvolgere gli ucraini - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Oggi la firma in prefettura

Carenza di stagionali del turismo, un protocollo per coinvolgere gli ucraini

Quattro incontri alla Spezia, Sarzana e Levanto per mettere in contatto le aziende ed i profughi. "La richiesta di lavoratori da parte delle aziende è molto alta e l'opportunità duplice", sottolinea Paolo Faconti, direttore di Confindustria. Sono 608 gli ucraini che sono arrivati alla Spezia e provincia a partire dallo scoppio della guerra, di cui la metà minorenni. “Rispetto ad altre tipologie di migrazione, gli ucraini hanno generalmente alle spalle una formazione scolastica di livello"; ha sottolineato Andrea Minghi del CPIA.

Minghi e Inversini

La Spezia prova a mettere in contatto la domanda di lavoro stagionale legato al turismo con il desiderio di integrazione dei profughi ucraini. Firmato questa mattina in prefettura il Protocollo per favorire l’inserimento lavorativo dei migranti provenienti dall’Ucraina che coinvolge la Camera di Commercio, le associazioni di categoria ed il Centro provinciale istruzione adulti. Ai rifugiati maggiorenni che ne faranno domanda, sarà offerta la possibilità di accedere a contratti trimestrali nel campo della ristorazione e della ricettività, con il solo vincolo di frequentare un corso di lingua italiana.

Quattro gli incontri per mettere in contatto le aziende ed i profughi: il 30 maggio ed il 10 giugno alla Spezia presso il CPIA, il 7 giugno a Levanto presso il municipio ed il 10 giugno a Sarzana al Centro Barontini. “Le aziende lamentano, in particolare quest’anno, la mancanza di personale in molti settori, dalla carrozzeria ai panifici fino ad arrivare a bar, ristoranti e ricettività diffusa – ha spiega Giuseppe Menchelli, direttore Confcommercio La Spezia -. Anche questo è un effetto degli anni della pandemia, che ha determinato la chiusura di molte attività e l’abbandono di alcuni settori da parte degli imprenditori”.

Minghi e Inversini

 

Durante gli open day i profughi dovranno compilare un modulo di auto candidatura che funzionerà da curriculum. “Questo permetterà in prospettiva di calibrare l’offerta sulle competenze che queste persone hanno già. Il progetto si rivolge primariamente a chi ha una prospettiva di permanenza media”, ha spiegato la prefetta Maria Luisa Inversini. “Rispetto ad altre tipologie di migrazione, gli ucraini hanno generalmente alle spalle una formazione scolastica di livello – ha sottolineato Andrea Minghi del CPIA -. Anche per questo tendono ad imparare con facilità”.

Sono 608 gli ucraini che sono arrivati alla Spezia e provincia a partire dallo scoppio della guerra, di cui la metà minorenni. Per questo è in corso di valutazione l’attivazione di centri per lasciare in custodia i bambini, che si affiancherebbe ai contributi erogati dalla Regione Liguria per l’inclusione nei campi estivi. “La richiesta di lavoratori da parte delle aziende è molto alta e l’opportunità duplice”, sottolinea Paolo Faconti, direttore di Confindustria. Secondo le associazioni, il rischio di innescare una sorta di concorrenza per il posto di lavoro è da escludere.

Più informazioni
leggi anche
Comune della Spezia
Promossa una rete solidale
Spese, farmaci, accoglienza: così il Comune della Spezia tende la mano ai profughi ucraini
In accordo con l’amministrazione locale
Abbonamento profughi ucraini, Atc informa
Guerra in Ucraina
Dipartimento di protezione civile
Contributi di sostentamento per i profughi ucraini: 300 euro al mese per adulto e 150 per minore
Turismo
Gli annunci totali sono 484
Caccia allo stagionale: più di ottanta proposte sul territorio. Non solo turismo, si cercano anche geometri, parrucchiere ed estetiste
Cattedrale di Cristo Re
Incontro in cristo re
“Ogni giorno più visibile l’abbraccio di Spezia ai profughi ucraini”
Una coppia di turisti si tiene per mano tra le vie di Vernazza
Le proposte
Turismo, le prenotazioni di luglio superano quelle del 2019 ma rimane il problema del personale