Quantcast
Approvate le modifiche al regolamento degli ormeggi di Bocca di Magra e Fiumaretta - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
In consiglio comunale

Approvate le modifiche al regolamento degli ormeggi di Bocca di Magra e Fiumaretta

Porticciolo di Bocca di Magra

Il Consiglio comunale di Ameglia ha approvato martedì la modifica al regolamento degli ormeggi che riguarda quelli insistenti sulle concessioni demaniali intestate al Comune, sia gestite direttamente che tramite terzi. La materia era già stata oggetto di modifiche negli anni passati, l’ultima delle quali nel 2016. Il nuovo documento mira a limitare il contenzioso sottraendo spazi di discrezionalità senza incidere nella gestione economico finanziaria dei sub concessionari, lasciando invariata la capacità di posti barca a tariffa agevolata.
Il nuovo regolamento prevede che il Comune  inoltre si faccia carico dell’individuazione di un elenco di utenti stanziali aventi diritto al posto barca e della definizione di una graduatoria di aspiranti all’ormeggio allorquando si libereranno dei posti barca. Il tutto nei limiti previsti dai contratti e dalle convenzioni in essere con i gestori del porticciolo di Bocca di Magra e degli ormeggi di Fiumaretta.
E’ assegnatario: chi è stato dichiarato conforme con delibera di Giunta n. 64 del 12.9.2020; chi è stato dichiarato conforme successivamente a seguito di regolarizzazione della documentazione richiesta nell’avviso del Sindaco del 18.7.2020; chi risulta negli elenchi già agli atti del Comune che siano in grado di fornire le informazioni richieste. Tutti devono anche dimostrare di aver pagato negli anni 2020, 2021 e 2022 oppure di non aver pagato o di non poter fornire la documentazione richiesta per causa a loro non imputabile.
Infine, risultano assegnatari: soltanto per il 2022, coloro ai quali l’ormeggio è stato assegnato dal gestore. L’ultima graduatoria degli aspiranti all’ormeggio valida è quella del 2014 che dovrà essere aggiornata al 2022 sulla base dei criteri fissati dal regolamento in vigore per ogni anno di riferimento e integrata con le domande presentate dal 2014 ad oggi.
“Riteniamo che sia dovere dell’Amministrazione Comunale – prosegue la nota della giunta – intervenire in una materia fonte di grave tensione negli ultimi anni e causa di numerosi contenziosi. È il tentativo di eliminare dubbi interpretativi e di farsi carico di individuare gli aventi titolo all’ormeggi e di aggiornare la graduatoria degli aspiranti tali. Si vuole in questo modo mettere in condizione anche i gestori di operare meglio e più agevolmente”.

All’inizio della seduta Il Sindaco ha dato lettura di una nota inviata dal gestore del porticciolo di Bocca di Magra rivolta a tutti i consiglieri con la quale li informava “di non essere stato in nessun modo coinvolto nella stesura del regolamento”; chiedeva loro inoltre di “esaminare con la massima attenzione i riflessi economico-patrimoniali che le modifiche regolamentari possono generare sull’attività del gestore”. Con riserva di “verificare il contenuto del nuovo regolamento e l’impatto che potrà avere sulle dinamiche gestionali”.
Il Sindaco ha ribadito che le modifiche non avranno ripercussioni negative sotto il profilo economico finanziario del Gestore che, anzi, si eviterà l’attività di istruttoria che ha svolto fino ad oggi. È stata poi accolta una proposta di emendamento avanzata dal Consigliere Ciri tesa ad evitare una possibile contestazione da parte del gestore in merito ai posti barca in transito. Il Sindaco ha inoltre raccolto l’invito del Consigliere Ciri di verificare tra un anno la situazione per traguardare ad un attribuzione ai gestori dell’obbligo di gestire secondo regolamento elenchi e graduatoria e lasciando al Comune un compito di controllo. La proposta di delibera, con l’emendamento proposto dal Consigliere Ciri, è stata approvata con 7 voti favorevoli e le 3 astensioni dei consiglieri di opposizione.

Più informazioni
leggi anche
Porticciolo di Bocca di Magra
L'opposizione attacca
Esserci per Ameglia: “Col nuovo regolamento ormeggi poca trasparenza e gestione in totale caos”