LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La proposta dovrà passare in consiglio

Pitelli, Saliceti e termovalorizzatore: le novità del Piano regionale dei rifiuti

Riperimetrazione del Sir di Pitelli, biodigestore a Saliceti e apertura all’ipotesi di un termovalorizzatore. Sono questi due dei provvedimenti contenuti nel Piano definitivo di gestione dei rifiuti e delle bonifiche approvato dalla Giunta regionale ligure nei giorni scorsi per garantire la chiusura del ciclo a livello regionale. Rispetto allo schema di Piano adottato nel dicembre scorso, il documento attuale recepisce tutte le osservazioni e i contributi pervenuti nella fase di confronto pubblico da parte di 36 soggetti pubblici e privati: il piano così approvato costituisce la proposta definitiva che sarà sottoposta al Consiglio regionale per l’approvazione definitiva.

In tema di bonifiche di particolare rilevanza è la riperimetrazione e riorganizzazione amministrativa del Sito di Interesse Regionale (Sir) di Pitelli, già Sito di interesse nazionale (Sin). La riperimetrazione parte dalla ricognizione di indagini, studi, monitoraggi e interventi che per oltre un ventennio hanno consentito di approfondire le conoscenze sullo stato di contaminazione di una vasta aerea nei comuni di Arcola, La Spezia e Lerici, nota alle cronache per gli episodi di mala gestione di rifiuti tra gli anni ’70 e ’80, ha come effetto una semplificazione amministrativa per le attività da svolgersi nelle aree interessate e consente di concentrare le attività della Regione Liguria sulle zone risultate effettivamente contaminate e non ancora bonificate.
Con la nuova perimetrazione sono esclusi dal perimetro del SIR tutte le aree che, in base alle indagini svolte, sono risultate non contaminate a seguito della caratterizzazione e dell’applicazione dell’analisi di rischio, i siti che hanno completato gli interventi di bonifica e sono risultati certificati dalla Provincia nonché le aree marine del SIR, ad eccezione degli specchi acquei per i quali è già stato avviato un procedimento di bonifica.
Il Piano inoltre prevede la promozione dell’utilizzo di tecniche di bonifica sostenibili sotto il profilo ambientale con particolare riferimento alla riduzione della movimentazione e della produzione di rifiuti.

Tra gli obiettivi del Piano, quello di assicurare da un lato una riduzione alla fonte della produzione di rifiuti urbani (-4% al 2026) e, dall’altro, l’aumento ulteriore della raccolta differenziata (fino al 67% nel 2026), con nuove azioni di prevenzione e la promozione della tariffazione puntuale.
Viene sostanzialmente confermato l’assetto impiantistico sia per il trattamento dell’indifferenziato, incentrato sui 4 poli di Colli nell’imperiese, di Boscaccio nel savonese, di Scarpino a Genova (con il nuovo impianto Tmb che sarà operativo entro l’inizio del 2023) e di Saliceti nello spezzino sia per il recupero della frazione organica per cui sono già stati autorizzati i biodigestori di Colli (con la piena operatività entro la fine del 2024) e Saliceti ed è già operativo l’impianto di Cairo Montenotte.
Il documento prevede inoltre un nuovo impianto terminale di chiusura dei ciclo dei rifiuti esclusivamente per la componente indifferenziata in uscita dagli impianti di trattamento meccanico biologico, fino ad oggi destinata alle discariche. L’approccio è quello del ‘waste to chemical’ proprio dell’economia circolare producendo ‘carburanti verdi’ quali idrogeno e metanolo che possano essere impiegati in distretti verdi, con forte effetto di decarbonizzazione nel rispetto anche delle ultime Direttive europee; in alternativa saranno valutate tecnologie di valorizzazione energetica. L’obiettivo è valorizzare questo tipo di rifiuti per rendere le discariche uno strumento residuale e compiere quindi il passo decisivo per la chiusura del ciclo a livello regionale, evitando l’invio di rifiuti fuori Regione, minimizzando gli impatti ambientali e ottimizzando i costi. Per il nuovo impianto il piano definisce criteri localizzativi, che, a seguito della Vas, sono stati integrati in senso ulteriormente cautelativo oltre a quelli già indicati per tutti gli impianti tecnologici e specificamente per l’impianto di chiusura del ciclo.
Attenzione anche alla prevenzione: a seguito della fase di consultazione, sono state aggiornate alcune linee di azione in relazione, ad esempio, in tema di rifiuti marini e plastic free.
Per quanto riguarda i rifiuti speciali, il Piano prevede poi nuove azioni in tema di rifiuti inerti, rifiuti da costruzione e demolizione e terre e rocce da scavo, oltre a percorsi per trovare soluzioni locali per flussi di rifiuti quali fanghi da depurazione o rifiuti sanitari, tematica quest’ultima resa ancora più pressante dalla pandemia Covid-19.

“Questo Piano – osservano il presidente della Regione Liguria e l’assessore regionale all’Ambiente – riguarda la chiusura del ciclo dei rifiuti, tema annoso e fondamentale per il nostro territorio e contiene le azioni ritenute prioritarie per traguardare questo obiettivo nei prossimi anni, anche nell’ottica di massimizzare le opportunità previste dal Pnrr. Tutte le osservazioni pervenute sono state valutate nel dettaglio, con una risposta specifica per ciascuna. Ora il testo passerà in Commissione e poi in Consiglio regionale per il via libera definitivo: trattandosi di una priorità per il nostro territorio speriamo possa arrivare il prima possibile. L’obiettivo è assicurare il definitivo e completo passaggio da un sistema arcaico, basato sulle discariche, ad un sistema moderno – proseguono – basato sui principi dell’economia circolare, in cui la discarica sia uno strumento assolutamente residuale: con questo piano confermiamo l’assetto impiantistico attuale con la previsione di un ulteriore impianto di valorizzazione di quella componente – la parte secca dei rifiuti solidi urbani – oggi destinata in discarica. Sarà una struttura al servizio di tutta la regione: siamo al lavoro per individuare le risorse e il luogo in cui costruirlo, in base ai criteri individuati dal Piano. Questo documento è stato predisposto anche alla luce dell’evoluzione normativa intervenuta, della spinta condivisa verso una economia veramente circolare, della necessità di quasi azzerare il ricorso alle discariche e anche – concludono – delle opportunità di finanziamento che si apriranno a valere sui fondi Pnrr”.

Una volta approvato in Consiglio regionale, il nuovo piano sostituirà quello precedente del 2015 e resterà in vigore fino a 2026.

leggi anche
No biodigestore
Biodigestore
Istanza dei comitati al Consiglio regionale: “Su Saliceti Toti rispetti la sentenza del Tar”
Corteo contro il digestore
Piano gestione rifiuti
“Digestore Saliceti: uscito dalla porta del Tar, si vorrebbe farlo rientrare dalla finestra del Pgr”
Alfa Vitor raccoglie rifiuti sull'Orzanella
Lunigiana
Sabato dell’ambiente, volontari all’opera lungo l’Orzanella e il Teglia
Sfalci verdi
Dal 13 giugno
Un mese di chiusura per l’isola ecologica di Greti di Durasca
Saliceti, 24 ore di mobilitazione contro il biodigestore
Cause di forza maggiore
Digestore, rinviata l’udienza al Consiglio di Stato
Gli assessori Marnati e Giampedrone
Non solo la città metropolitana di genova
Rifiuti, Liguria e Piemonte lavorano a un rinnovo dell’intesa che riguardi anche Savona e Imperia
Cassonetti per la differenziata a Sarzana
Differenziata
Pd: “Rifiuti, Sarzana ‘bocciata’ e ‘multata’ dalla Regione amica”